Motori 24 Settembre Set 2014 1036 24 settembre 2014

Come mettere l’acido nella batteria

Per procedere al riempimento è necessario, dunque, che la batteria non sia di tipo sigillato

  • ...

Per il riempimento e il rabbocco di una batteria auto esausta è sufficiente procurarsi acido solforico per batterie e acqua distillata. In commercio esistono vari tipi di batterie:

  • Sigillate (senza i tappini per il rabbocco o riempimento);
  • Pronte all’uso (con i tappini per il rabbocco);
  • Vuote (hanno i tappini, ma sono vuote e occorre riempirle).
Che si tratti di un rabbocco o di riempire una batteria vuota, occorre procurarsi acido solforico per batterie, acqua distillata (per la manutenzione), ed eventualmente chiavi inglesi per smontare e rimontare la batteria nel suo alloggiamento. Per procedere al riempimento è necessario, dunque, che la batteria non sia di tipo sigillato. Poi occorre aprire i tappi e cominciare a versare l’acido gradatamente fino alle linee indicate sull’orlo della batteria. È importante non lasciar fuoriuscire il liquido perché  l’acido è corrosivo per le mani e per le componenti della vettura stessa. Lasciare aperti i tappi per 20/40 minuti per permettere al liquido di scorrere all’interno, ma sincerarsi che non entri nessun corpo estraneo all’interno della batteria (a questo scopo si suggerisce di coprire i tappi con dei filtri di carta, lasciando il coperchio aperto). Richiudere i tappi e collocare la batteria nel suo alloggiamento. Se al momento dell’accensione, non dovesse avviarsi, è opportuno metterla in carica con l’ausilio di un’altra batteria funzionante e i cavi necessari. Per una corretta manutenzione, con cadenza mensile o bimestrale è consigliato controllare il livello del liquido; in caso mancasse il liquido è sufficiente aprire i tappi e rabboccare con acqua distillata non oltre il limite indicato. Ogni 3 o 4 rabbocchi con acqua distillata, occorre fare un rabbocco con l’acido.

Correlati

Potresti esserti perso