Motori 26 Settembre Set 2014 1000 26 settembre 2014

Aygo: il design il punto di forza

  • ...

Le citycar sono auto piccole, dunque pratiche nel traffico cittadino e facili da parcheggiare, ma anche parche nei consumi. Pensate per i più giovani, oggi sempre più spesso propongono linee che non passano inosservate. È il caso della nuova Toyota Aygo, che hafatto il suo debutto nei listini italiani. La segmento A giapponese condivide la stessa piattaforma di Citroen C1 e Peugeot 108, frutto del medesimo progetto. Anche le due francesi si fanno notare per il look sbarazzino, moderno e poco convenzionale. Ma tra le tre vetture ci sono delle differenze. Giornalemotori.it le ha messe a confronto.

Toyota Aygo: il portellone è in vetro scuro e il portatarga a trapezio. TOYOTA AYGO Tra le tre auto del confronto, la Aygo è quella con nel design presenta le soluzioni più ardite. Il frontale, che ha al centro il marchio Toyota, si configura in una grande forma a X, verniciata a contrasto e che prosegue poi comprendendo parte dei fari sottili e appuntiti, arrivando fino agli specchietti. Gli spigoli vivi continuano poi nella finestratura, che nella versione a cinque porte tocca i gruppi ostici posteriori, verticali. Il portellone è in vetro scuro, mentre l'ampio vano portatarga è a trapezio. Aygo è offre ampie possibilità di personalizzazione, visto che molti elementi, come la griglia anteriore e gli inserti del paraurti, possono essere sostituiti da altri di materiale e colori diversi, anche dopo l'acquisto. Lo stesso vale per alcuni elementi interni, ad esempio la parte centrale della plancia. La piccola nipponica dispone poi di un avanzato sistema di connessione agli smartphone e, se si opta per l'allestimento di punta X-Play c'è un grande touchscreen da 7”. Discreta l'abitabilità, anche se dietro c’è poco spazio per le gambe. Da 168 litri la capacità di carico del baule. Motorizzazioni: a benzina 1.0 da 69 Cv Prezzo: da 11.350 euro A chi è adatta: Giovani, neopatentati Pro e contro: Il design delle rivali non è certo banale, ma le linee della Aygo sono ancor più avveniristiche e personali/A disposizione c'è un solo motore, 1.0 a benzina

Citroen C1 ha un baule con una capacità di carico di 196 litri. CITROEN C1 Anche la francesina si fa notare per il look non banale: nel frontale, dominano i grandi fari ovali, sovrastati da due gruppi superiori a lama, che sembrano quasi delle sopracciglia. Lo sguardo della C1 è sbarazzino e giovanile, nel solco della tradizione delle piccole Citroen. Di profilo, spiccano i montanti anteriori neri, soluzione che snellisce la fiancata, mentre nel posteriore le grandi luci di coda, collocate ai lati del portellone, creano un apprezzabile effetto 3D. Originale il design dell'abitacolo, che in considerazione dei limitati ingombri esterni si rivela piuttosto accogliente: nell'allestimento più ricco Shine si può sfruttare il sistema di infotainment con display da 7” e presa USB, che permette di gestire direttamente le app dello smartphone. Disponibile sia nella versione a tre che a cinque porte, Citroen C1 ha un baule dalla capacità di carico di 196 litri, dunque il più spazioso del confronto. Ciliegina sulla torta a listino offre (come Peugeot 108) la variante decapottabile Airscape, con un grande tetto apribile in tela, che si apre elettricamente fino a 120 km/h e disponibile in tre colorazioni da abbinare al colore della carrozzeria e degli interni. Motorizzazioni: a benzina 1.0 VTi da 69 Cv e 1.2 VTi da 82 Cv Prezzo: da 9.950 euro A chi è adatta: Giovani, neopatentati Pro e contro: Le dimensioni esterne sono efficacemente sfruttate: lo spazio disponibile a bordo è notevole, per questo tipo di vettura, ed ha il baule più capiente/In tutte le versioni i finestrini posteriori hanno solo l'apertura a compasso

Peugeot 108 nel design segue gli ultimi stilemi del marchio: il portellone è in cristallo. PEUGEOT 108 Erede della 107, Peugeot 108 è stata progettata congiuntamente a Citroën C1 e Toyota Aygo. Come le «cugine» è disponibile sia nella versione a tre che a cinque porte, ma ha comunque più punti in comune con la connazionale. L’abitacolo, che esteticamente risulta piacevole, prevede infatti uno schermo centrale a cristalli liquidi oppure il più generoso touchscreen da 7” sull'allestimento di punta Allure. Se si opta per la Top, poi, c'è la capote apribile in tela, lunga 76 cm e larga 80. Anche in questo caso si apre in movimento fino ad una velocità di 120 km/h. Nel look, Peugeot 108 presenta soluzioni più convenzionali rispetto alle altre due vetture del confronto: nel design segue infatti gli ultimi stilemi del marchio, in particolare quelli espressi dalla 308, di cui sembra una versione più piccola. Ma con qualche differenza, specie nel posteriore, dove spicca il portellone del bagagliaio in cristallo. E che, una volta aperto, offre una capacità di carico di 180 litri. Motorizzazioni: a benzina 1.0 da 69 Cv e 1.2 da 82 Cv Prezzo: da 9.950 euro A chi è adatta: Giovani, neopatentati Pro e contro: Ha un look moderno e non banale, senza soluzioni stilistiche troppo ardite/Alcune plastiche risultano piuttosto economiche: ci sono citycar più curate sotto questo aspetto. [gn_jcarousel source="cat=%blog%" ]

Correlati

Potresti esserti perso