Juventus Atletico Madrid 141001233142
MAL DI COPPA 1 Ottobre Ott 2014 2300 01 ottobre 2014

Champions League, Atletico Madrid-Juventus 1-0

La squadra di Allegri cede di misura all'Atletico. Arda Turan in gol nel finale.

  • ...

Il centrocampista dell'Atletico Madrid Raul Garcia (in biancorosso) in tackle sullo juventino Paul Pogba.

Spietata tra le mura di casa quanto fragile nel giardino europero. Non c'è più Conte in panchina ma la Juventus di Allegri, dominatrice in Italia, continua a soffrire del mal di Champions. Dopo il debutto vincente col Malmö i bianconeri (in completo verde optical per l'occasione) scivolano al Vicente Calderon di Madrid traffiti dai vicecampioni in carica dall'Atletico e da un tocco beffardo di Arda Turan a 15' dalla fine.
Battuti ma non bocciati a dirla tutta i campioni d'Italia, alla prima sconfitta stagionale. Perchè l'esame era di quelli tosti e perchè l'Atletico ha giocato la gara che gli è più congeniale, di chiusura e ripartenza, rintanato nel 4-1-4-1 disegnato dal Cholo privo dell'infortunato Gabi e col 19enne Saul preferito a Griezmann.
POSSESSO PALLA MA NIENTE MORSI. Fino al colpo del kappaò Vidal e compagni avevano tenuto in mano il pallino del gioco, con un possesso palla alla spagnola in terra iberica, e si erano dimostrati attenti anche nelle situazioni di palla inattiva, vero asso nella manica dei padroni di casa (nove su 11 le marcature messe a segno sfruttando i piazzati nell'attuale Liga).
L'altra faccia della medaglia però sono i guantoni intonsi si Moyà, spaventato solo da un quasi autogol di Raul Garcia, il sintomo della serata di scarsa vena di Llorente ma soprattutto dalla inconsueta stanchezza di Tevez.
VIETATO CONCEDERE ANGOLI. Colchoneros impercettibilmente più pericolosi anche senza angoli, che la Juventus evidentemente ben istruita ha evitato accuratamente di concedere. Nella prima frazione la squadra di Simeone ha reclamato per un mani di Vidal a due passi da Buffon (involontario). Il portiere ha respinto un tiro di Mandzukic dalla distanza e Godin alzato sopra la traversa una punizione di Koke. Per la Juventus solo un tiro sbilenco di Pogba.
AMMUCCHIATA A TRE PUNTI NEL GIRONE. Dal cloroformio della ripresa, con la ninna nanna cantata dal palleggio bianconero, il match si è destato all'improvviso. Prima il brivido di un quasi autogol di Caceres (ancora una volta mano, ancora una volta involontario), poi la mazzata vera col guizzo di Arda Turan. Tiago ha scaricato su Juanfran il cui cross è stato sfiorato da Mandzukic: Lichtsteiner si è fatto bruciare dal Profeta turco che ha beffato Buffon. La reazione della Juve, modificata con le entrate di Pereyra e del fischiatissimo ex madridista Morata, è stata blanda e ha trovato incarnazione solo con una scivolata di Raul Garcia nella propria area uscrita di un palmo dal palo di Moyà.
La vittoria del Malmö sull'Olympiacos, avversario della Juve nelle due prossime gare europee, crea la grande ammucchiata nel gruppo: tutti a 3 punti. Insomma il tonfo di Madrid non ha prodotto effetti incurabili, ma d'ora in poi è vietato accontentarsi. E soprattutto sbagliare ancora.

Tabellino

ATLETICO MADRID-JUVENTUS 1-0 (primo tempo 0-0)

Marcatore: 29' st Arda Turan
Atletico Madrid (4-1-4-1): Moyà; Juanfran, Miranda, Godin, Ansaldi; Tiago; Arda Turan, Raul Garcia, Koke, Saùl 5 (7' st Griezmann); Mandzukic (38' st Suarez).
Panchina: Oblak, Gimènez, Jimènez, Cerci.
Allenatore: Simeone.
Juventus (3-5-2): Buffon; Caceres (31' st Pereyra), Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner (43' st Giovinco), Vidal (37' st Morata), Marchisio, Pogba, Evra; Tevez, Llorente.
Panchina: Storari, Ogbonna , Padoin, Asamoah.
Allenatore: Allegri.
Arbitro: Brych (Ger).
Note: spettatori 50 mila circa. Calci d'angolo: 4-2 per l'Atletico Madrid. Recupero tempo: 1'pt, 4' st
Ammoniti: Bonucci (J), Raul Garcia (A), Chiellini (J), Ansaldi (A), Lichtsteiner (J), Morata (J), Pogba (J), Giovinco (J).

Articoli Correlati

Potresti esserti perso