Roma Rudi Garcia 141006153607
BUFERA 6 Ottobre Ott 2014 1500 06 ottobre 2014

Juventus-Roma, Garcia: «Fa male al calcio italiano»

Tweet al veleno del tecnico giallorosso. Travaglio: «Agnelli? Peggio di Moggi».

  • ...

Una notte non basta a sbollire gli animi. E anzi nel day after dell'infuocato big match allo Stadium le polemiche sull'esito di Juventus-Roma - e sulla condotta dell'arbitro Rocchi - si sono trasferite prima alla politica - con una interrogazione parlamentare e una promossa dal leghista Buonanno addirittura a Bruxelles - per poi riesplodere su media e social network.
Dopo i feroci cinguettii di replica da lady Agnelli al capitano romanista Francesco Totti, su Twitter è stato l'allenatore della Roma, Rudi Garcia, a tenere alto il volume della controversia.
«A mente fredda... questa partita fa veramente del male al calcio italiano!», ha scritto nel suo messaggio all'ora di pranzo.


TRAVAGLIO: «AGNELLI? HA SUPERATO PERFINO MOGGI». «Andrea Agnelli? Ha superato anche il suo 'maestro' Luciano Moggi», ha rincarato la dose lo juventino Marco Travaglio, giornalista, scrittore e vicedirettore de Il Fatto Quotidiano, ospite oggi su Rai Radio2, a Un Giorno da Pecora. «Ho visto la partita e devo dire, da juventino, che non mi vergognavo così tanto dai tempi di Luciano Moggi. A me piace vincere ma non rubando...», ha esordito Travaglio. «Quindi ieri la Juve ha rubato?», gli è stato chiesto. «Si, su tutto. Non c'è uno dei tre gol che sia regolare. Peggio dei tempi di Moggi? Credo che Moggi avesse i lucciconi agli occhi ieri», ha ribadito Travaglio. «Perché? Perché i suoi allievi hanno superato il maestro. E chi sarebbero gli allievi di Moggi nell'attuale Juventus? Andrea Agnelli»
TAVECCHIO: «ACCELERARE SULL'USO DELLA TECNOLOGIA». Dalla Federazione invece è giunto l'invito per tutti ad «ad abbassare i toni» con il fresco presidente Carlo Tavecchio che ha manifestato l'intenzione di farsi «promotore di una richiesta alla Fifa» di una salomonica forma di moviola in campo per sconguirare episodi simili in futuro. L'intenzione, ha confessato Tavecchio, è quella di accelerare l'introduzione della tecnologia «per i casi dubbi sul posizionamento» dei falli al limite dell'area di rigore.
«Innanzitutto», ha spiegato il presidente della Ficg, «voglio rivolgere un invito a tutte le parti in causa affinché si abbassino i toni e si accetti l'errore umano degli arbitri così come quello degli allenatori e dei calciatori». «Sono convinto», ha proseguito il numero uno del calcio italiano, «che la nostra classe arbitrale sia tra le migliori: per aiutarla ancora di più intendo farmi promotore di una richiesta alla Fifa al fine di accelerare l'iter che prevede l'introduzione della tecnologia per dirimere i casi dubbi sul posizionamento dell'evento falloso al limite dell'area di rigore, offrendo anche la nostra disponibilità per un'eventuale sperimentazione».
CONTE: «LA NAZIONALE RASSERENI IL CALCIO ITALIANO». Ad anestetizzare le polemiche potrebbe giovare la provvidenziale pausa del campionato con la Nazionale di Conte, impegnata nel doppio confronto di qualificazione all'Europeo 2016 con Azerbaigian e Malta.
«Voglio che i miei ragazzi siano solo concentrati sulle gare da giocare, cercheremo con la Nazionale di rasserenare questo clima», ha dichiarato il selezionatore azzurro Antonio Conte.
«Non sono preoccupato dei rapporti interni fra i giocatori», ha continuato Conte, «quando si rappresenta il proprio club, è giusto portare la propria bandiera e lottare per essa, ma nel Club Italia di bandiere ce n'è una sola, si torna amici e compagni, si deve avere la stessa unità d'intenti, mettere da parte le singole posizioni perché si rappresenta tutti insieme il nostro Paese, che oltretutto vive un momento di difficoltà».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso