Motori 21 Ottobre Ott 2014 1237 21 ottobre 2014

Costo multa divieto di sosta

La multa per chi parcheggia in divieto di sosta è di 41 € e per chi parcheggia su marciapiedi o piste ciclabili la multa è di 84 €

  • ...

Le multe per divieto di sosta diventano più "leggere" per chi usufruisce dello sconto del 30% entro 5 giorni dalla notifica dell'infrazione La multa per chi parcheggia in divieto di sosta è di 41 € e per chi parcheggia su marciapiedi o piste ciclabili la multa è di 84 €, oltre alla decurtazione di due punti dalla patente. Tuttavia, da maggio 2013 è entrata in vigore la legge che permette di “scontare” le multe del 30% se pagate entro 5 giorni dalla notifica. Ciò significa che nel caso del divieto di sosta la multa passa da 41 € a 28,70 € e per la sosta vietata su marciapiedi o piste ciclabili passa da 84 € a 58,80 €. Se l’automobilista viene colto in flagranza può usufruire subito dello sconto del 30% se paga entro 5 cinque giorni dall’atto della contestazione, altrimenti i 5 giorni decorrono dal momento in cui si riceve la notifica di pagamento per posta. È possibile pagare con carta di credito o bancomat se la pattuglia stradale è abilitata (questa possibilità è valida sempre nel caso di notifica a casa). Lo “sconto” spetta a tutti e a prescindere dai punti sulla patente purché l’infrazione non sia grave da comportare la confisca del veicolo o il ritiro della patente o se la violazione è di natura penale (guida in stato di ebbrezza o sotto effetti di stupefacenti). La riduzione si applica sulla sanzione prevista e non sulle spese di notifica. Una volta pagata la sanzione non è possibile effettuare il ricorso al Giudice di Pace o al Prefetto. Lo sconto non si applica a chi opta per la rateizzazione. Sul verbale di contravvenzione dovrà essere indicato in modo esplicito se la sanzione prevede lo sconto, l’importo scontato da presentare entro 5 giorni e le indicazioni su come effettuare il pagamento (che variano a seconda dell’organo di polizia che emette il verbale).

Articoli Correlati

Potresti esserti perso