Motori 24 Ottobre Ott 2014 1139 24 ottobre 2014

Citroën C4 Cactus sfida tra cross over

La nuova creatura del Double Chevron è arrivata sul mercato stravolgendo tutti i codici. E mangia la strada a Nissan Juke e Mini Countryman.

  • ...

Tutto si può dire di Citroën C4 Cactus, tranne che sia una vettura che pecca di originalità. La nuova creatura del Double Chevron è arrivata sul mercato stravolgendo tutti i codici, dando vita ad un nuovo concetto di automobile. Davvero innovative le soluzioni che propone: non passa certo inosservata e per questo, per caratteristiche e misure, ha come rivali naturali Nissan Juke e Mini Countryman. Giornale Motori le ha messe a confronto.

Gli airbump, i fascioni paraurti, sono l'elemento più caratterizzante della Citroën C4 Cactus. CITROEN CACTUS La crossover proposta da Citroën, più che un modello di serie, sembra un prototipo. La carrozzeria, schiacciata, con il muso levigato e la coda corta ha forme da fumetto, ma è la presenza degli airbump l'elemento più caratterizzante. E che riporta in primo piano lo spirito innovativo del marchio. Questi fascioni paracolpi, che si trovano sulle fiancate e sui paraurti, non sono solo un curioso escamotage estetico, bensì una soluzione funzionale che dovrebbe limitare i danni, e quindi le spese, in caso di piccoli urti. Realizzati in plastica morbida, inglobano camere d’aria a pressione atmosferica, sono sostituibili e disponibili in nero, grigio, sabbia e cioccolato. Da abbinare a dieci tinte di carrozzeria. Anche la collocazione degli airbag nel tetto non è casuale, perché permette di avere più spazio nella plancia, dove si trova un grande cassetto portaoggetti. A proposito, della Cactus sono curiosi anche gli interni. I due sedili anteriori sono uniti da un'imbottitura e c'è un divano anteriore unico, senza tunnel centrale e il freno a mano in posizione un po’ diversa dal solito. La plancia è bassa, caratterizzata da linee pulite ed essenziale. Risultato ottenuto adottando un'interfaccia 100% digitale, da controllare attraverso il touch screen da 7”. Motorizzazioni: a benzina 1.2 VTi da 75 e 82 Cv, 1.2 e-VTi da 82 Cv e 1.2 e-THP da 110 Cv; diesel 1.6 e-HDi  da 92 Cv e 1.6 BlueHDi da 99 Cv Prezzo: da 14.950 euro A chi è adatta: Famiglie più numerose Pro e contro: Citroën C4 Cactus ha un design che non passa certo inosservato/I vetri posteriori si aprono solo a compasso

Nissan Juke propone le linee curiose e simpatiche di sempre, con i gruppi ottici su tre livelli. NISSAN JUKE Da pochi mesi in listino ci sono due Juke: la First è il vecchio modello, l'altra è quella nata a luglio del 2014. Una versione aggiornata nel frontale, con i gruppi ottici anteriori rivisti e e la calandra che adotta il nuovo stile del marchio Nissan, con la V più larga. Ma anche nella coda, negli specchietti che adesso comprendono le frecce e nelle colorazioni a disposizione, più vistose. Per il resto, Nissan Juke propone ancora le linee curiose e simpatiche di sempre, con i passaruota muscolosi, i gruppi ottici anteriori su tre livelli, ovvero frecce in alto, fari al centro e fendinebbia in basso, e quelli posteriori dalla forma a boomerang, il tetto discendente da coupé ed i finestrini piccoli e sagomati. La nuova Nissan Juke stupisce anche all'interno, nonostante non sia migliorata nelle finiture, con il tunnel centrale molto rialzato e un’ampia consolle da cui si può accedere al Nissan Dynamic Control System. Peccato, però, che l'abitacolo non risulti particolarmente spazioso. In compenso, la capienza del baule è aumentata del 40%, fino a 354 litri. Motorizzazioni: a benzina 1.2 DIG-T da 116 Cv, 1.6 da 94 e 117 Cv e 1.6 DIG-T da 190 Cv; diesel 1.5 dCi da 110 Cv Prezzo: da 16.650 euro A chi è adatta: Famiglie meno numerose Pro e contro: La dotazione è di buon livello anche per gli allestimenti meno costosi/L'abitacolo non è molto spazioso

La Countryman è più grande della Mini e, rispetto alla versione classica, ha cinque porte anziché tre. MINI COUNTRYMAN La Countryman è inconfondibilmente una Mini, ma più grande e, rispetto alla versione classica, ha cinque porte anziché tre. Anche la crossover britannica è stata di recente sottoposta ad un aggiornamento estetico e, come per la Juke, i cambiamenti sono stati minimi. I prudenti ritocchi hanno infatti interessato i fendinebbia, alcune protezioni in plastica e inedite luci a led, oltre alla calandra esagonale del radiatore, che adesso ha uno sviluppo più verticale. Insomma, per quanto sia grande quanto le altre due vetture del confronto e lunga ben 26 cm in più rispetto al modello base, riesce a conservare molto del fascino della sorella minore. Piuttosto versatile grazie alla buona distanza da terra, è una vettura che offre un abitacolo confortevole, a scelta a quattro o cinque posti, ed una plancia dal design personale. Rivisitata la strumentazione, con nuove cromature e quadranti scuri per tachimetro e contagiri. Al debutta, inoltre, il più recente sistema di infotainment firmato Mini Connected. Motorizzazioni: a benzina 1.6 da 98, 122, 190 e 218 Cv; diesel 1.6 90,111 e 143 Cv Prezzo: da 22.750 euro A chi è adatta: Famiglie poco numerose Pro e contro: L'abitabilità e la capienza del baule sono sorprendenti, trattandosi di una Mini/Molto ben costruita, la Countryman costa come una vettura di categoria superiore. [gn_jcarousel source="cat=%blog%" ]

Articoli Correlati

Potresti esserti perso