Motori 27 Ottobre Ott 2014 1042 27 ottobre 2014

Che cos’è il differenziale elettrico

L’elettrotecnica negli ultimi decenni è andata incontro a delle evidenti novità: una di queste è costituita dal differenziale elettrico. Tale specifico dispositivo viene anche comunemente detto “interruttore differenziale” oppure “salvavita”. È opportuno sottolineare che si tratta di un dispositivo di sicurezza: esso è in grado di interrompere l’apposito flusso di energia.

  • ...

Differenziale elettrico L’elettrotecnica negli ultimi decenni è andata incontro a delle evidenti novità: una di queste è costituita dal differenziale elettrico. Tale specifico dispositivo viene anche comunemente detto “interruttore differenziale” oppure “salvavita”. È opportuno sottolineare che si tratta di un dispositivo di sicurezza: esso è in grado di interrompere l’apposito flusso di energia. Tale cosa ha luogo in un circuito elettrico nel caso di un guasto verso terra (cioè: dispersione elettrica), oppure nel caso di una specifica folgorazione fase-terra. Bisogna ricordare che il differenziale elettrico non è in grado di garantire nessuna protezione contro un sovraccarico o cortocircuito tra fase e fase o tra fase e neutro. Per proteggervi da tali inconvenienti dovete installare un interruttore magnetotermico. Attualmente sono in commercio degli specifici dispositivi in grado di proteggervi da entrambe le evenienze. Il nome di differenziale elettrico deriva dal fatto che sostanzialmente basa il suo funzionamento dalla rilevazione dell’eventuale differenza di correnti elettriche (queste differenze sono rilevate in ingresso e in uscita al sistema elettrico, nel caso che si verifichi una dispersione).

Articoli Correlati

Potresti esserti perso