Ferrero 141030181752
POLEMICA 30 Ottobre Ott 2014 1821 30 ottobre 2014

Calcio, Tapiro d'oro a Ferrero: «Non sapevo che Thohir fosse indonesiano»

Il presidente della Samp placcato da Striscia la notizia per aver dato del «filippino» al patron dell'Inter.

  • ...

Il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero.

Striscia la notizia ha consegnato il Tapiro d'oro al presidente della Sampdoria Massimo Ferrero, che aveva dato del «filippino» al presidente dell'Inter Erick Thohir, in realtà indonesiano. Ai microfoni dell'inviato Valerio Staffelli, Ferrero si è difeso sostenendo che «aveva saputo in televisione» solo in seguito la vera nazionalità del successore di Massimo Moratti. L'intervista 'attapirata' è in onda nella puntata del 30 ottobre.
«MI SPIACE PER MORATTI». Tutto era iniziato con la rinuncia di Massimo Moratti alla carica di presidente onorario della storica squadra milanese. Ferrero aveva commentato le sue dimissioni attaccando duramente Thohir. «È ingiusto che Moratti sia stato trattato così», aveva detto nel programma di RaiDue Stadiosprint, «sono molto dispiaciuto per lui. Io glielo avevo detto: caccia quel filippino!». Parole certamente di dubbio gusto contro il dirigente nato a Giacarta, che in qualche modo si è 'vendicato' la sera del 29 ottobre, con la vittoria in casa dell'Inter contro la Samp per 1-0, con goal di Icardi.
MAZZARRI: «ATTACCHI ASSURDI». Nel post-partita, il tecnico interista Walter Mazzarri si è schierato a difesa del presidente Thohir. «Non capisco questi attacchi», ha dichiarato, «sono assurdità per non dire di peggio. Si parla di razzismo, poi siamo i primi a dire idiozie. Thohir è arrivato, senza preconcetti, ha visto come si lavora e da grande capo di azienda ha valutato il personale. Si può rimettere in preventivo che qualcosa non vada, ma abbiamo iniziato un progetto. E abbiamo tutti le idee chiare», ha concluso l'allenatore nerazzurro.
BERETTA: «BASTA PREGIUDIZI, MERITA RISPETTO». Della stessa linea è il presidente della Lega Serie A Maurizio Beretta. «Niente pregiudizi, Erick Thohir merita il dovuto rispetto», ha spiegato all'Ansa. «Ritengo che la presenza di un imprenditore internazionale come Erik Thohir sia un valore per il calcio italiano e che sia molto positivo l'apporto di diverse esperienza gestionali e manageriali. Per il resto», ha continuato, «sono convinto che Erick Thohir, come persona e imprenditore, meriti il dovuto rispetto e la giusta considerazione. Viene spesso portato ad esempio il modello dell'Inghilterra, dove la presenza di investitori esteri ha contribuito a rafforzare in maniera significativa il calcio della Premier League». Beretta ha concluso osservando che sarebbe un grave errore «se si creasse un clima tale da scoraggiare potenziali investitori internazionali interessati al nostro calcio e non solo».

Correlati

Potresti esserti perso