Motori 1 Novembre Nov 2014 0941 01 novembre 2014

Come guidare sulla neve con trazione integrale

La guida di un auto con trazione integrale è decisamente più stabile e sicura delle altre tradizionali, anteriore e posteriore, ma è anche vero che bisogna imparare a guidare auto di questo tipo, sfruttando i vantaggi che ne derivano.

  • ...

L'impiego della trazione integrale è ottimale per terreni pericolosi, come quello nevoso, perché particolarmente scivoloso. L'aderenza al terreno potrà essere controllata dalla trazione integrale, grazie alla trasmissione di potenza su tutte le ruote. La guida di un'auto con trazione integrale è decisamente più stabile e sicura delle altre tradizionali, anteriore e posteriore, ma è anche vero che bisogna imparare a guidare auto di questo tipo, sfruttando i vantaggi che ne derivano. Se nei veicoli a trazione anteriore la potenza viene fornita alle ruote anteriori, nei veicoli a trazione posteriore, essa è fornita alle sole ruote posteriori mentre i veicoli a trazione integrale (i cd 4x4) hanno tutte e quattro le ruote motrici. Vi è poi una trazione integrale permanente o disinseribile, in qualsiasi caso è necessario inserire questo tipo di trazione in casi limite, come il terreno nevoso. Essendoci differenze costruttive sostanziali bisognerà adattare anche la propria guida. La differenza principale tra queste vetture è il trasferimento del peso, in special modo in accelerazione e frenata. Ad esempio su un terreno particolarmente scivoloso come quello nevoso, la trazione integrale è perfetta poiché scaricando la potenza su tutte le ruote c'è più stabilità e aderenza al suolo. Tale vantaggio può essere spiegato da un semplice principio di funzionamento della trazione integrale: grazie al differenziale centrale la potenza viene ripartita in tempo reale su tutte e quattro le ruote. In pratica a volte la potenza è scaricata di più sull'avantreno, a volte sul retrotreno cosa che, se da un lato assicura maggior tenuta. In caso di frenata si potrà usufruire del freno motore su tutte e quattro le ruote.

Correlati

Potresti esserti perso