Motori 3 Novembre Nov 2014 1659 03 novembre 2014

Multa per sorpasso a destra

Il sorpasso a destra è vietato e comporta una sanzione di 74 € e la decurtazione di 5 punti

  • ...

Una manovra di sorpasso eseguita male oltre ché potenzialmente pericolosa, può costare caro in termini sanzionatori L’art. 148, comma 15 del Codice della Strada regolamenta le modalità di sorpasso che si effettua nel modo seguente: «Il conducente che sorpassa un veicolo o altro utente della strada che lo precede sulla stessa corsia, dopo aver fatto l’apposita segnalazione, deve portarsi sulla sinistra dello stesso, superarlo rapidamente tenendosi da questo ad una adeguata distanza laterale e riportarsi a destra appena possibile, senza creare pericolo o intralcio». Il sorpasso a destra è vietato e comporta una sanzione di 74 € e la decurtazione di 5 punti. Se la manovra di sorpasso a destra viene ripetuta nell’arco di due anni si incorre nella sospensione della patente da 1 a tre mesi. È possibile il sorpasso a destra solo nei seguenti casi: - se il veicolo che precede ha segnalato l’intenzione di svoltare a sinistra e ha già iniziato la manovra; - quando l’auto che ci precede si è fermata sul lato sinistro di una strada a senso unico oppure quando il tram circola al centro della strada. Con il nuovo codice della strada, le multe sono state aumentate in media del 6%, ma in particolar modo sono particolarmente esose le nuove sanzioni relativamente proprio ai sorpassi: in caso di manovra sbagliata, sorpasso a destra o pericoloso, le multe vanno da 162 € a 646 €, fermo restando le eccezioni sopra citate. Le regole relativamente al sorpasso sono valide anche i motociclisti. Solitamente, i motociclisti hanno la tendenza a superare una colonna di auto a destra o a sinistra, mentre il codice prevede che si incolonnino anche loro dietro le macchine e che ad ogni sorpasso effettuato rientrino in carreggiata e anche le sanzioni sono le stesse, motivo per cui il Coordinamento Italiano Motociclisti (CIM) aveva proposto - in occasione delle elezioni Politiche del 2013 e che devono ancora essere discusse - delle modifiche al codice per le diverse esigenze dei motociclisti.

Correlati

Potresti esserti perso