Motori 10 Novembre Nov 2014 1020 10 novembre 2014

Come ripotenziare una moto depotenziata

Depotenziare una moto ha dei costi abbastanza abbordabili per i motociclisti comuni. Indubbiamente provare l’ebbrezza di andare su una moto ripotenziata (dopo che era stata depotenziata) è qualcosa di veramente entusiasmante. Per eseguire la delicata operazione potete rivolgervi ad un’officina del settore, magari specializzata nelle motociclette.

  • ...

Moto depotenziata Suzuki Depotenziare una moto ha dei costi abbastanza abbordabili per i motociclisti comuni. Indubbiamente provare l’ebbrezza di andare su una moto ripotenziata (dopo che era stata depotenziata) è qualcosa di veramente entusiasmante. Per eseguire la delicata operazione potete rivolgervi ad un’officina del settore, magari specializzata nelle motociclette. Il lavoro da fare è di circa mezz’ora: in sostanza si tratta di rimuovere due blocchi e il gioco sarà fatto. Indubbiamente bisogna essere consapevoli del fatto che guidare una moto alquanto potente può essere pericoloso e quindi è bene rispettare rigorosamente tutte le norme in vigore concernenti il Codice della Strada e questo per non mettere a repentaglio la vostra sicurezza e quella degli altri automobilisti o pedoni. È bene ricordare che per quanto concerne la motorizzazione si tratta di una reimmatricolazione e quindi sia necessario spendere un centinaio di euro. Per quanto concerne avere una moto depotenziata a libretto ma a potenza piena comporta l’applicazione di una multa per frode allo Stato (e questo per esempio perché pagate il bollo per 25 KW e non 100). Per quanto concerne l’assicurazione dovreste essere a posto se avete l’età per portarla, comunque è bene informarsi dall’assicurazione.

Correlati

Potresti esserti perso