Inter Dnipro 141127235722
CALCIO 27 Novembre Nov 2014 2340 27 novembre 2014

Europa League: Inter-Dnipro 2-1, Torino-Bruges 0-0

Osvaldo e Kuzmanovic regalano i sedicesimi ai nerazzurri. I granata non sfondano, bloccati dal portiere Ryan. Qualificate Fiorentina e Napoli.

  • ...

Icardi, Dodò e Guarin festeggiano Osvaldo, autore della rete del 2-1 con cui l'Ineter ha superato il Dnipro.

Dopo il derby acciuffato col gol di Obi l'Inter regala il primo sorriso a Roberto Mancini e si regala la qualificazione anticipata di un turno ai sedicesimi di Europa League, dove in tabellone ci saranno anche Fiorentina e Napoli.
Con il nuovo tecnico in tribuna per squalifica i nerazzurri hanno sconfitto il Dnipro 2-1 in inferiorità numerica. Il massimo risultato in una serata non certamente brillante per i nerazzurri, apparsi poco presenti nel primo tempo. Kuzmanovic e Osvaldo ribaltano l'iniziale vantaggio di Rotan e finiscono per mettere nel dimenticatoio il rosso per doppia ammonizione di Ranocchia.
Dopo il passo falso finlandese invece il Torino spreca il secondo match point per chiudere matematicamente il discorso promozione nella competizione europea, si fa bloccare in casa dai belgi del Bruges e dovrà guadagnarsi il pass nella gara finale col Copenaghen nell'ultimo turno.
HANDANOVIC TIENE IN PIEDI L'INTER. Per la sua prima Inter europea Mancini disegna uno strano 4-1-3-2 che fatica un pezzo a carburare. A dare la sveglia non basta nemmeno lo schiaffo dello svantaggio, figlio del guizzo di Konoplyanka (ala tutto pepe che piace assai ai dirigenti nerazzurri) il cui sinistro smanacciato da Handanovic viene scaraventato in porta da Rotan.
La nuova creatura del tecnico jesino è ancora in evidente rodaggio e infatti per ridestrasi serve un nuovo spavento.
Al 27' Guarin stende in area Cheberyachko ma stavolta Konoplyanka è più clemente e Handanovic disinnesca il suo destro molle dagli undici metri.
KUZ E OSVALDO RIBALTANO IL MATCH. Finalmente rinvigoriti i nerazzurri ribaltano la situazione prima trovando il pari con Kuzmanovic che raccoglie pallone vagante in area avversaria trafiggendo Boyko nell'angolino. E nemmeno l'ennesimo choc della serata, il rosso a Ranocchia per somma di ammonizioni, fiacca il ritrovato spirito interista. Hernanes imbuca una perfetta verticalizzazione che Osvaldo tramuta nella perla del vantaggio 2-1. A quel punto l'Inter stringe i denti e con tenacia protegge il preziosissimo vantaggio.

Toro ipnotizzato dal portiere Ryan

Il tecnico del Torino Giampiero Ventura.

Al Torino non basta invece una gara a senso unico per uscire coi tre punti contro il Bruges: stavolta la causa del digiuno granata sottoporta porta il nome dell'estremo difensore australiano Ryan, in notte di grazia e vero protagonista del match.
Con un occhio già teso al derby di domenica con la Juve e l'orecchio alla radiolina per attendere buone notizie da Helsinki - la sconfitta del Copenaghen estromette definitivamente i danesi, prossimi avversari granata - Ventura lascia Quagliarella a riposo, affidando l'attacco al duo Amauri-Martinez e continua col solito turnover europeo, rispolverando Bovo, fuori da metà ottobre
DIGIUNO CASALINGO DAL GOL CHE DURA DA UN MESE. Ne nasce una prestazione diametralmente opposta a qualla dell'andata, quando Gillet aveva salvato i granata.
Stavolta con almeno cinque interventi, di cui due prodigiosi su Martinez e altrettanti su Molinaro e Larrondo, è il portiere degli ospiti a impedire impedisce ai granata di interrompere il digiuno casalingo di gol che dura ormai da un mese. Una prestazione che nel complesso fa ben sperare in vista della prossima trasferta in Danimarca: quella sarà l'occasione definitiva per conquistare i sedicesimi di finale.

Correlati

Potresti esserti perso