Pelè 141202185734
CALCIO 2 Dicembre Dic 2014 1840 02 dicembre 2014

Brasile, Pelè lascia la terapia intensiva

Migliorano le condizioni dell'ex fuoriclasse, ricoverato per un'infezione renale.

  • ...

La leggeda del calcio brasiliano Edson Arantes do Nascimento, detto Pelè.

Notizie sempre più confortanti sulla salute di Pelé: l'ex fuoriclasse brasiliano, ricoverato dallo scorso 24 novembre per una infezione delle vie urinarie dopo un intervento per la rimozione di calcoli del rene e in seguito sottoposto a dialisi renale, ha lasciato la terapia intensiva, cammina da solo nella sua stanza di ospedale e ha persino chiesto una chitarra per passare il tempo.
PASSAGGIO A TERAPIA «SEMI INTENSIVA». «Il paziente Edson Arantes do Nascimento sta reagendo bene al trattamento e senza variazioni mediche», è scritto nell'ultimo bollettino divulgato il 2 dicembre dalla clinica Albert Einstein di San Paolo dove si trova O Rei, che ha compiuto 74 anni a ottobre.
Il tre volte campione del mondo - hanno precisato le fonti sanitarie - pur rimanendo nello stesso letto passerà adesso a effettuare solamente terapia «semi-intensiva». «Analisi cliniche e di laboratorio svolte stamane (2 dicembre, ndr)», continua il comunicato, «hanno stabilito che non sarà necessario riprendere l'emodialisi».
NUOVO TEST IL 3 DICEMBRE. Un nuovo test sulla funzionalità renale è stato fissato per il 3 dicembre. Pelé, che nel frattempo dovrebbe continuare la somministrazione endovenosa dell'antibiotico, «è lucido e si alimenta bene». «Le sue condizioni», conclude il bollettino, «si mantengono stabili dal punto di vista respiratorio ed emodinamico».
O REI: «TANTISSIME MANIFESTAZIONI DI AFFETO DAI FAN». Tramite i suoi assistenti, il genio del pallone ha riferito di aver ricevuto migliaia di messaggi da ogni parte del pianeta attraverso l'email dell'ospedale. Ai suoi assessori ha anche detto che, a poco a poco, cercherà di leggerli tutti e che ringrazia i suoi fan «per le tantissime manifestazioni di affetto ricevuto».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso