Motori 5 Dicembre Dic 2014 0957 05 dicembre 2014

Come richiedere targa prova

L’autorizzazione alla circolazione di prova è valida per un solo veicolo per volta e deve essere tenuta a bordo del veicolo

  • ...

la targa di prova è riservata solo a talune categorie di richiedenti La targa di prova è rilasciata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti attraverso gli Uffici provinciali della Motorizzazione per i veicoli circolanti su strada per esigenze relative a prove tecniche, sperimentali o costruttive, dimostrazioni o trasferimenti, vendita o allestimento. I veicoli con targa di prova non hanno l’obbligo della carta di circolazione, ma devono essere muniti dell’autorizzazione alla circolazione di prova, la cui validità è annuale; il rilascio, la revoca e il rinnovo sono disciplinati dal decreto ministeriale n. 374 del 20 novembre 2003. Possono richiedere la targa prova i seguenti soggetti:

  • fabbriche costruttrici di veicoli a motore e di rimorchi e loro rappresentanti, concessionari, commissionari e agenti di vendita;
  • commercianti autorizzati di tali veicoli (indipendentemente dalla sussistenza o meno di un rapporto con le fabbriche costruttrici ed indipendentemente dalle modalità attraverso le quali l'attività di commercio viene esercitata, potendosi trattare anche di vendite "on line");
  • aziende che esercitano attività di trasferimento su strada di veicoli non ancora immatricolati da o verso aree di stoccaggio e per tragitti non superiori a 100 km;
  • Istituti universitari e Enti pubblici e privati di ricerca che conducono sperimentazioni su veicoli;
  • fabbriche costruttrici di carrozzerie e di pneumatici;
  • fabbriche costruttrici di sistemi o dispositivi d'equipaggiamento di veicoli a motore e di rimorchi, qualora l'applicazione di tali sistemi o dispositivi costituisca motivo di aggiornamento della carta di circolazione e loro rappresentanti, concessionari, commissionari e agenti di vendita;
  • commercianti autorizzati di veicoli allestiti con tali sistemi o dispositivi di equipaggiamento (indipendentemente dalla sussistenza o meno di un rapporto con le fabbriche costruttrici ed indipendentemente dalle modalità attraverso le quali l'attività di commercio viene esercitata, potendosi trattare anche di vendite "on line");
  • esercenti di officine di autoriparazione e di trasformazione, anche per proprio conto.
L’autorizzazione alla circolazione di prova è valida per un solo veicolo per volta e deve essere tenuta a bordo del veicolo che deve, inoltre, essere obbligatoriamente coperto da assicurazione per Responsabilità Civile. I documenti necessari per richiedere una targa prova sono:
  • Domanda redatta su apposito modello denominato DTT2119, in distribuzione presso gli Uffici della motorizzazione;
  • Camera di Commercio o autocertificazione attestante l'attività svolta;
  • Codice Fiscale e/o Partita IVA;
  • Versamenti (in distribuzione presso gli Uffici dell'UMC e gli Uffici Postali - i codici causali non sono obbligatori);
  • Attestazione del versamento di € 9,00 sul c/c 9001;
  • Attestazione del versamento di € 32 sul c/c 4028;
  • Attestazione del versamento di € 17,86 sul c/c n. 121012 (utilizzare esclusivamente il bollettino prestampato in distribuzione preso gli uffici);
Fonte: Ministero Infrastrutture e Trasporti

Correlati

Potresti esserti perso