Chiellini Fernandez Fiorentina 141205223946
CAMPIONATO 5 Dicembre Dic 2014 2241 05 dicembre 2014

Serie A, Fiorentina-Juventus 0-0

Le difese meglio degli attacchi. Poche emozioni e pareggio al Franchi.

  • ...

Giorgio Chiellini della Juventus affronta Mati Fernandez della Fiorentina, nel match della 14a giornata di serie A (5 dicembre 2014).

Una partita noiosa, senza troppi acuti, con un secondo tempo appena più interessante del primo, e la paura di perdere che ha superato la voglia di vincere. Fiorentina e Juventus non si sono fatte male. Allo stadio Artemio Franchi, dove nella passata stagione finì con un pirotecnico 4-2 dei Viola in rimonta (fu l'ultima sconfitta in Italia della Juventus di Antonio Conte), l'anticipo della 14esima giornata di serie A si è chiuso col punteggio di 0-0.
BONUCCI IL MIGLIORE. Non è un caso che i migliori in campo siano stati i difensori delle due squadre. Leonardo Bonucci su tutti, tornato a difendere a tre dopo aver comunque ben impressionato anche con la retroguardia a quattro. Ma anche Gonzalo Rodriguez, José Basanta e Stefan Savic dall'altra parte.
Male gli attacchi. Kingsley Coman non è Tevez e si vede. A risentirne anche Fernando Llorente, autore di una prestazione opaca. L'Apache è entrato a mezz'ora dal termine, troppo tardi, forse, per vivacizzare una partita che non si è mai accesa del tutto.
UNA PARATA PER PARTE. Pochi brividi per Neto e Gianluigi Buffon. Il primo ha dovuto respingere coi pugni, in avvia di ripresa, un sinistro potente ma centrale di Patrice Evra. Il secondo si è disteso al 23' del secondo tempo per deviare in angolo una conclusione di Cuadrado.
Opaca anche la prova di Mario Mario Gomez, tornato al gol contro il Cagliari una settimana prima e fermato in due occasioni da un grande Bonucci.
Ultima emoziona un tocco di mano di David Pizarro in area di rigore. Il cileno era molto vicino a Paul Pogba quando ha calciato, e l'arbitro Nicola Rizzoli ha lasciato correre.
LA ROMA PUÒ ANDARE A -1. Lo stop della Juve è una grande occasione per la Roma, che vincendo col Sassuolo, in casa, nella partita delle 18 del 6 dicembre, salirebbe a -1 dal primo posto. Ma per la Juve è già tempo di pensare alla Champions League. La sfida contro l'Atletico Madrid è decisiva per il passaggio del turno.

Correlati

Potresti esserti perso