Giovanni Malagò 130405214309
GRANDI EVENTI 8 Dicembre Dic 2014 1537 08 dicembre 2014

Olimpiadi, Malagò: «Con Renzi per Roma 2024»

Il presidente Coni: «Ci siamo già sentiti». Ok del Cio alle gare in città diverse dalla sede ufficale dei Giochi.

  • ...

Il presidente del Coni Giovanni Malagò.

Con il via libera del Cio alle Olimpiadi organizzate in città e sedi diverse rispetto alla sede ufficiale dei giochi, arrivato lunedì 8 dicembre in occasione dell'assemblea straordinaria del Comitato olimpico internazionale a Montecarlo (nuovi criteri destinati a ridurre i costi per le città interessate ad ospitare l'evento), è arrivato anche il pre-annuncio del presidente del Coni, Giovanni Malagò. Sulla candidatura di Roma 2024 c'è sintonia con il premier Matteo Renzi: «Ci siamo già sentiti in questi giorni e ci sentiremo anche in giornata».
ANNUNCIO ATTESO PER IL 15 DICEMBRE. L'annuncio ufficiale dovrebbe arrivare il 15 dicembre, quando il presidente del Consiglio consegnerà i Collari d'oro al Coni. «Potrebbe esserci questa dichiarazione, ma non lo garantisco né lo escludo. Ma se anche il 15 dicembre non dovesse esserci l'annuncio, non vuol dire nulla», ha precisato Malagò. Che ha giudicato rivoluzionarie le novità emerse dall'assemblea del Comitato olimpico: «Con le nuove regole cambiano gli interlocutori istituzionali, che potrebbero non essere esclusivamente i tre con i quali oggi il Cio si muove (Coni-Governo-sindaco città candidata), ma anche la Regione piuttosto che il presidente della Repubblica in base agli ordinamenti dei vari Stati».
«OCCASIONE DI RISCATTO DOPO MAFIA CAPITALE». Per Malagò si tratterebbe di un'occasione di riscatto per Roma e per il Paese: «Ogni giorno l'inchiesta Mafia Capitale si arricchisce di una nuova puntata. Sono molto sconcertato e amareggiato. Ci sono due scuole di pensiero: chi dice basta, non ci meritiamo niente, e chi invece vuole emarginare quelli che hanno umiliato il Paese. Io faccio parte della seconda categoria», ha detto il presidente del Coni, commentando le possibili ripercussioni sulla candidatura olimpica di Roma.
NUOVI CRITERI LOW-COST. «Nei piani del Cio ci sono delle Olimpiadi dai costi sostenibili: possibilità di utilizzare strutture temporanee, decentramento delle sedi degli eventi, riduzione dei costi di presentazione delle candidature. Insomma, dei Giochi alla portata di tutti. Tutto questo porterà alla modifica della Carta Olimpica in 40 punti. Quattordici commissioni hanno lavorato al pacchetto di riforme dell''Agenda 2020', i cambiamenti voluti da Bach che dovrebbero incidere sulle edizioni future e che si annunciano di portata storica. Sarà una vera e propria rivoluzione», ha auspicato Malagò.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso