Qarabag Inter 141211213024
TROFEO 11 Dicembre Dic 2014 2130 11 dicembre 2014

Europa League: pari Inter, vittoria Torino

Solo 0-0 per i nerazzurri. Torino straripante a Copenaghen: 5-1. Vince il Napoli, perde la Fiorentina.

  • ...

Joel Obi in azione nella partita di Europa League tra Qarabag e Inter.

Un pareggio e una vittoria. Uno 0-0 e una goleada. Le prime due italiane impegnate in Europa League l'11 dicembre hanno convinto a metà. Bene, benissimo il Torino, che ne ha fatti cinque in casa del Copenaghen. Male, invece l'Inter, fermata 0-0 dal Qarabag, beffato dall'arbitro Zelinka che ha annullato un gol regolare all'ultimo secondo impedendo la qualificazione degli azeri e mandando avanti, con i nerazzurri, il Dnipro, vincente 1-0 sul Saint Etienne.
LACRIME AZERE. Lacrime in campo, dispiacere persino sui volti dei nerazzurri e fischi sugli spalti nella bolgia del Tofiq Bahramov, stadio di Baku dove il Qarabag è costretto a giocare perché la città di Agdam è sotto assedio per la guerra del Nagorno-Karabakh. Solo nella ripresa, però, la squadra di Gurbanov ha provato a fare risultato. Forse troppo tardi, anche perché Mancini gli ha opposto un'Inter composta principalmente dalle seconde linee e da alcuni giovani della Primavera, concedendo riposo ai titolari così da arrivare freschi alla gara di lunedì 15 dicembre contro il Chievo, partita in cui vincere è d'obbligo per risollevare le sorti del campionato.
POCHE EMOZIONI NEL PRIMO TEMPO. Nel primo tempo sono state poche le emozioni regalate dalla partita. L'Inter ha gestito il gioco, faticando però a farsi pericolosa anche perché la formazione schierata da Mancini, con la qualificazione già in tasca, non aveva nulla da chiedere al match ed essendo giovanissima, ha peccato un po' di inesperienza.
Dall'altra parte il Qarabag sapeva di giocare 90' per scrivere un capitolo importante della storia calcistica dell'Azerbaijan. Prima ci ha provato al 14' con Muarem che ha lanciato a rete Alasgarov, ma la conclusione è finita di poco a lato; poi allo scadere, con un'azione personale di Goerge che ha dribblato Donkor e ha provato il tiro ravvicinato, Carrizo però si è superato e ha respinto in angolo.
QARABAG PERICOLOSO E BEFFATO. Il Qarabag ha preso coraggio nella ripresa facendosi più pericoloso. Dopo 9' è stato il solito George a creare l'occasione da gol: affondo sulla sinistra, pallone al centro e Alaskarov, in ritardo, non è riescito a impattare graziando di fatto Carrizo. Poco dopo si è sparsa la voce dell'1-0 del Dnipro e i padroni di casa hanno subito il contraccolpo della notizia.
L'Inter si è fatta avanti, Bonazzoli e Osvaldo hanno messo alla prova Sehic, ma gli azeri si sono tenuti stretti lo 0-0.
Al 93', poi, l'episodio-beffa: Almeida ha calciato, pallone deviato da Donkor e gol del Qarabag. Lo stadio è esploso, perché i tre punti significavano qualificazione. Ma l'arbitro ha annullato la rete segnalando il fuorigioco di George, in posizione influente. E lo sgomento ha preso il posto della gioia.
IL TORINO RIMONTA E DILAGA. A Copenaghen il Torino ha battuto i padroni di casa per 5-1 (Gruppo B) qualificandosi per i sedicesimi di finale di Europa League.
Successo arrivato in rimonta per i granata, passati in svantaggio con un gol di Amartey al 6' del primo tempo. Nove minuti dopo il pareggio di Martinez, prima dell'intervallo, al 42', il rigore trasformato da Amauri per ribaltare completamente il punteggio. Partita chiusa in sei minuti nella ripresa. Martinez al 2', Darmian al 4' e Gaston Silva al 6' hanno completato il pocherissimo del Toro.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso