Motori 21 Dicembre Dic 2014 1124 21 dicembre 2014

Come fare rabbocco liquido raffreddamento

Per prima cosa si posiziona l’auto su una superficie piana. A motore spento, si procede a controllare che il livello del liquido contenuto nella vaschetta del radiatore – che si può individuare facilmente una volta aperto il cofano dell’auto – sia compresso tra le tacche che indicano il minimo e il massimo. Nel caso il liquido superi l’indicazione massima, occorre il liquido eccedente, se invece si trova sotto il minimo, bisogna rabboccare.

  • ...

liquido raffreddamento Per prima cosa si posiziona l’auto su una superficie piana. A motore spento, si procede a controllare che il livello del liquido contenuto nella vaschetta del radiatore – che si può individuare facilmente una volta aperto il cofano dell’auto – sia compresso tra le tacche che indicano il minimo e il massimo. Nel caso il liquido superi l’indicazione massima, occorre il liquido eccedente, se invece si trova sotto il minimo, bisogna rabboccare. Munendosi del liquido già presente nel radiatore – lo si può scoprire velocemente controllando il libretto dell’auto – e di acqua distillata, si fa una miscela in parti uguali durante la bella stagione e con una proporzione maggiore di liquido di raffreddamento – circa il 70% - durante l’inverno e nei mesi più freddi. La miscela va versata lentamente per evitare di superare il livello ideale ed essere poi costretti a rimuoverla. Nei giorni successivi al rabbocco, è sempre buona norma controllare che il livello del liquido rimanga stabile, per assicurarsi che non ci siano perdite.

Correlati

Potresti esserti perso