Motori 25 Dicembre Dic 2014 1249 25 dicembre 2014

Come guidare un camper

La prima cosa da fare prima di mettere in moto è assicurarsi che porta, finestre e rubinetto del gas siano chiusi. A differenza di un’automobile, ci si deve affidare esclusivamente agli specchietti esterni, quindi è importante regolarli prima della partenza per avere la migliore visibilità possibile. Un’attenzione particolare va, poi, a tutti gli sportelli interni, compresa la porta del frigo, che devono essere chiusi per evitare problemi durante il viaggio. Importante è disporre i pesi in modo equilibrato, per evitare che gli stessi possano condizionare la stabilità del mezzo.

  • ...

camper La prima cosa da fare prima di mettere in moto è assicurarsi che porta, finestre e rubinetto del gas siano chiusi. A differenza di un’automobile, ci si deve affidare esclusivamente agli specchietti esterni, quindi è importante regolarli prima della partenza per avere la migliore visibilità possibile. Un’attenzione particolare va, poi, a tutti gli sportelli interni, compresa la porta del frigo, che devono essere chiusi per evitare problemi durante il viaggio. Importante è disporre i pesi in modo equilibrato, per evitare che gli stessi possano condizionare la stabilità del mezzo. Le dimensioni di un camper condizionano inevitabilmente il comportamento alla guida. Ad esempio, l’altezza raggiunge in genere almeno i tre metri, perciò, è necessario fare attenzione a ogni sorta di ostacolo – dai cavi a rami – che troviamo sulla strada. Lo stesso vale per la lunghezza, specialmente quando si compiono sorpassi o manovre in retromarcia. Particolare spesso sottovalutato, tutti i passeggeri devono avere la cintura di sicurezza allacciata. Infatti, in marcia, è davvero sconsigliabile muoversi all’interno del camper. Durante la guida, è anche importante fare attenzione ai colpi di vento, che con un camper si avvertono più accentuato che in automobile anche in caso di sorpassi di veicoli più grandi come tir e bus.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso