Motori 26 Dicembre Dic 2014 1056 26 dicembre 2014

Come fare radiazione per esportazione al PRA

In caso di trasferimento/esportazione all’estero di un veicolo occorre richiedere al PRA (Pubblico Registro Automobilistico) la “Cessazione della circolazione per esportazione”

  • ...

Per radiare un'auto per esportazione bisogna rivolgersi al PRA In caso di trasferimento/esportazione all’estero di un veicolo occorre richiedere al PRA (Pubblico Registro Automobilistico) la “Cessazione della circolazione per esportazione” che può essere inoltrata dall’intestatario del veicolo o dall’avente diritto (erede o prossimo proprietario) allegandovi l’atto di vendita o l’accettazione di eredità oppure, in caso di veicolo posti sotto sequestro, anche il verbale di vendita all’asta. Se la documentazione è completa, il PRA emette il “Certificato di Radiazione” che attesta che il veicolo non è più iscritto al Registro, con conseguente interruzione dell’obbligo di pagare la tassa automobilistica. Si può richiedere la radiazione per esportazione solo dopo che il veicolo è stato trasportato all’estero e immatricolato con le nuove targhe straniere, altrimenti alla documentazione è necessario allegare anche il documento di trasporto, la bolla doganale e tutti documenti comprovanti l’avvenuto trasferimento del veicolo all’estero. Dal 14 luglio 2014 sono entrate in vigore le nuove procedure che prevedono di allegare sempre la fotocopia della Carta di Circolazione estera o l’attestazione di avvenuta rei-mmatricolazione all’estero (il certificato deve essere accompagnato da traduzione giurata). Per i veicoli sottoposti a ipoteca o altri vincoli, bisogna allegare l’atto comprovante l’assenso alla radiazione da parte del creditore. La domanda di radiazione si richiede allo Sportello Telematico Automobilistico (STA) oppure presso il Consolato italiano nella nazione estera dove è stato esportato il veicolo (in quest’ultimo caso, il Certificato di Radiazione giunge per posta prioritaria all’indirizzo estero dell’intestatario del veicolo). In sintesi, la documentazione da presentare è:

  • domanda di presentazione;
  • copia della Carta di circolazione estera o attestazione di avvenuta immatricolazione all’estero;
  • carta di circolazione, targhe, certificato di proprietà o foglio complementare e documenti attestanti l’avvenuta esportazione (solo per i veicoli esportati, ma non ancora reimmatricolati);
  • titolo di acquisto in originale (atto di vendita, provvedimento della Pubblica Amministrazione, verbale di vendita all’asta, accettazione di eredità ecc) solo se la richiesta è inoltrata da avente titolo non intestatario al PRA.
La procedura può essere svolta con la consulenza di agenzie di pratiche auto o dall’ACI.

Correlati

Potresti esserti perso