Inter Palacio 150312214250
CALCIO 12 Marzo Mar 2015 2115 12 marzo 2015

Europa League, Wolfsburg-Inter 3-1

Palacio illude i nerazzurri in Germania. Poi il doppio regalo di Carrizo, ed è notte fonda. Zenit-Torino: 2-0.

  • ...

L'attaccante dell'Inter Rodrigo Palacio (in nerazzurro) contrastato da Vierinha del Wolfsburg.

Palacio accende i sogni dell'Inter, Naldo e De Bruyne li spazzano e per l'Inter l'accesso ai quarti di Europa League diventa una chimera.
Contro il Wolfsburga la squadra di Mancini, maledettamente identica all'immagine regalata da quando in panchina è tornato il tecnico di Iesi, mette in mostra un calcio propositivo ma al contempo certifica le amnesie difensive mostrate di recente e dopo aver cullato l'illusione di uscire dalla Volkswagen-Arena con un risultato positivo torna a Miano con le ossa rotte e un 3-1 che pare molto difficile da ribaltare.
NERAZZURRI FULMINANTI. E dire che i nerazzurri erano partiti come meglio era difficile sperare con Hernanes come interno sinistro per Brozovic e Shaqiri a fare da guastatore (sull'out di destra) in un tridente sperimentale completato da Icardi e Palacio.
Un vestito tattico che fa sembrare la squadra scintillante. Tanto che al 2' l'Inter sfiora già il vantaggio con Palacio. E lo trova appena dopo con lo stesso argentino, freddo davanti a Benaglio su grande assist di Icardi, innescato da un retropassaggio di Shurrle.
LE SOLITE AMNESIE DIFENSIVE COSTANO CARE. Il Wolfsburg sbanda (Knoche al centro della difesa non è certo un muro), rischia il raddoppio - Hernanes al 21', al termine di un contropiede stupendo -, ma appena rimette la testa fuori trova un pareggio in quel momento immeritato. Caligiuri - bellissimo il suo duello con Santon - obbliga Carrizo al miracolo, però sul corner Juan Jesus guarda la palla e si perde l'inserimento del pennellone Naldo, che di testa fa 1-1.
IL DOPPIO REGALO DI CARRIZO. Le solite, imperdonabili, amnesie difensive diventano addirittura regali nella seconda frazione.
Carrizo al 18' appoggia corto per Jesus, anticipato da Viereirinha che pesca a centro area De Bruyne, incredulo di poter appoggiare a porta vuota per il 2-1.
Il portire di riserva, nel pallone, al 31' concede il bis all'olandese. Vidic (dentro al posto di Hernanes nel tentativo di regalare una fantomatica solidità alla retroguardia interista) prima sbaglia un'uscita, poi stende lo stesso De Bruyne, che dal limite destro dell'area batte una punizione normale su cui Carrizo parte tardi e male.
E alla fine nelle tasche di Mancini resta solo una vagonata di rimpianti. E il 19 marzo, nel ritorno a San Siro, sarà durissima trasformarli in sorrisi.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso