Motori 19 Marzo Mar 2015 1645 19 marzo 2015

Errori misurazioni tachimetro

Strumento utilissimo per calcolare la velocità di un veicolo, il tachimetro è stato inventato verso la fine del 19° secolo e installato poi su diversi veicoli da trasporto intorno al 1910.

  • ...
Tachimetro automobile

Strumento utilissimo per calcolare la velocità di un veicolo, il tachimetro è stato inventato verso la fine del 19° secolo e installato poi su diversi veicoli da trasporto intorno al 1910. Da allora, ne sono stati inventati di diverso tipo, da quelli meccanici a quelli magnetici, per finire a quelli elettrici ed ottici. Il meccanismo di funzionamento di questo strumento è complesso. In sintesi, un albero o piccolo cilindro è collegato ad un organo rotante e questi ruotano contemporaneamente, determinando una forza centrifuga a cui si oppone una forza contraria creata da una molla. Tutto ciò poi è collegato ad una strumentazione che mostra, su una scala, il valore della velocità.

Tuttavia, come qualsiasi altro tipo di strumentazione, esistono degli errori di misurazione per un tachimetro. Gli errori possono essere: di "Scala", quando la scala che viene usata ha una graduazione non corretta; di "Approssimazione", quando l'errore è determinato da un calcolo approssimato e quindi dalla conseguente segnalazione approssimata dello strumento; di "Errore fisso", quando si determina un errore costante in tutte le misurazioni, ad esempio un errore di 10 Km/h, sia quando il veicolo viaggia a 50 Km/h e sia quando è a 120 Km/h; di "Parallassi", quando l'errore è dovuto ad una non corretta lettura della strumentazione stessa.

Correlati

Potresti esserti perso