RITRATTO 26 Marzo Mar 2015 0900 26 marzo 2015

Leo Messi, mister 65 milioni ha una vita semplice

È il giocatore più ricco del mondo: 65 milioni di euro nel 2014. Ma di lussi zero. Solo automobili (Audi, Ferrari, Maserati) e profumi. Feste? Meglio la casa (foto).

  • ...

Di soldi ne ha tantissimi: 65 milioni di euro lordi quelli che secondo France Football ha guadagnato nel 2014.
Ma a vederlo così, senza sapere chi è, si fa davvero fatica a notarlo.
Lionel Messi non è una star del pallone tutta pose e apparenza. Si concede pochi lussi, le auto e le case su tutte.
DIMORA A FORMA DI PALLONE. Per il resto preferisce condurre una vita morigerata, molto più di quanto la stampa vorrebbe far credere.
Nel 2013 uscirono sul web le immagini e i rendering di una casa nel barrio di Pedralbes, a Barcellona, con pianta circolare (simile a un pallone) in mezzo a un giardino rettangolare come un campo di calcio.
Vista dall'alto, col suo ingresso, disegnava un gigantesco numero 10, un vezzo da maniaco del calcio, progettato dall'architetto spagnolo Luis Garrido.

La verità è che Leo vive ancora nella sua villa di Castelldefels, poco a Sud di Barcellona: due piani, quattro stanze da letto, un giardino e una piscina.
È in quella cittadina che scelse di andare a vivere all'epoca dell'esordio in prima squadra, per stare vicino all'amico Ronaldinho, ed è lì che ha deciso di restare.
Nessun trasloco, anzi, Messi sembra intenzionato ad ampliare la casa attuale, aggiungendoci una palestra e un campo di calcio e raggiungendo una superficie complessiva di 10 mila metri quadrati.
Il tutto al prezzo di 1 milione di euro.
UNA VILLA SUL LAGO DI COMO. Nel 2014, prima del Mondiale, il fuoriclasse argentino ha acquistato anche una villa sul lago di Como, diventando vicino di George Clooney.
L'altro grande “vizio” della Pulce sono le auto.
Non solo la gigantesca Cadillac Escalade (la stessa di Barack Obama) con cui il 14 marzo ha quasi investito un gruppo di tifosi che cercavano di fermarlo a Sant Joan Despí mentre andava all'allenamento.
Nel suo garage sono entrate anche una Audi Q7, una Ferrari 430 Spider, una Maserati GranTurismo Mc Stradale, una Lexus LX 570, una Dodge Charger, un'Audi S3 e una Mini Cooper S cabrio.


Leo Messi almost runs over Barcelona fans di futbolvideoz

Al di là di qualche tatuaggio (la mamma Celia sulla spalla, le mani del figlio Tiago sul polpaccio sinistro, un pallone una spada e un numero 10 sullo stinco e altri due disegni su braccio e avambraccio destro), Messi ha poco del calciatore vip.
Gli anni delle serate in discoteca con Ronaldinho sono passati da tempo, in vacanza ai Caraibi preferisce Rosario, la città in cui vive ancora la sua famiglia e dove con la Leo Messi Foundation sta finanziando la costruzione di un campo di calcio per i bambini.
«Non siamo gente che butta soldi dalla finestra per comprarsi cose di lusso», dice nella biografia non autorizzata scritta dall'italiano Luca Caioli.
Al look ci pensano Dolce & Gabbana, Rolex e occhiali da sole costosi non fanno per lui. L'unico accessorio di moda che lo fa uscire di testa sono i profumi.
IL PIATTO PREFERITO: LA MILANESA DI MAMMA CELIA. Ora Leo è tutto casa e campo. La sera gli piace stare tranquillo con la compagna Antonella Rocuzzo e il figlio Thiago, o andare a cena a La Pampa, il ristorante di Castelldefels dove lavora un macellaio argentino che per tutti è El Gallego.
Lì il 10 del Barça ordina sempre le costolette, ma il suo piatto preferito è un altro. Ogni volta che mamma Celia va a trovarlo a Barcellona gli prepara le patatine fritte e la 'milanesa': una cotoletta di vitello passata nell'uovo e fritta, poi coperta di prosciutto cotto, pomodoro, mozzarella e passata al forno.
Un ragazzo semplice e cresciuto in una famiglia benestante, ma non così ricca da potersi permettere di pagargli le costose cure a base di ormone della crescita, consapevole del valore del denaro e poco incline agli sprechi. Solo una goccia di profumo, le belle macchine, e poco altro.

Correlati

Potresti esserti perso