Motori 9 Aprile Apr 2015 1119 09 aprile 2015

Come funziona Enjoy a Torino

È bene ricordare che la metropoli subalpina di Torino è pronta per la sperimentazione di Enjoy. Si tratta in particolare della valida alternativa al servizio di carsharing IoGuido (servizio che viene gestito da Fiat e GTT). Enjoy verrà gestito direttamente da Eni. Si tratta di un servizio veramente innovativo, che è già stato sperimentato positivamente a Milano, riuscendo ad ottenere dei brillanti risultati. Il tutto fa ben sperare per la sperimentazione a Torino

  • ...

Enjoy La metropoli subalpina di Torino è pronta per la sperimentazione di Enjoy. Si tratta in particolare della valida alternativa al servizio di car sharing IoGuido (servizio che viene gestito da Fiat e GTT). Enjoy verrà gestito direttamente da Eni. Si tratta di un servizio veramente innovativo, che è già stato sperimentato positivamente a Milano, riuscendo ad ottenere dei brillanti risultati. Il tutto fa ben sperare per la sperimentazione a Torino. Bisogna sottolineare che esistono delle notevoli differenze tra IoGuido ed Enjoy. Per poter usufruire del primo è necessario sottoscrivere un abbonamento annuale di 120 euro, mentre Enjoy non prevede questa spesa. Enjoy permette di usufruire della vettura senza prenotazione, basterà fare un click sull’app scaricabile in maniera del tutto gratuita. L’auto quando è stata presa potrà essere lasciata in un normale parcheggio dedicato. Enjoy ha dei costi orari o a kilomentraggio: viene applicata una tariffa di 0,25 euro al minuto. Essa comprende benzina, assicurazione, bollo e accesso alla ZTL.

Correlati

Potresti esserti perso