Motori 21 Aprile Apr 2015 1205 21 aprile 2015

Costo assicurazione auto con targa straniera

È noto che in Italia si paga l’RCA più cara d’Europa e da diversi anni, per ovviare a questo onere e – godere anche di altre esenzioni – si è andata diffondendo

  • ...

Circolare con un'auto con targa estera senza immatricolarla in Italia entro un anno è illecito È noto che in Italia si paga l’RCA più cara d’Europa e da diversi anni, per ovviare a questo onere e – godere anche di altre esenzioni – si è andata diffondendo la pratica di acquistare auto con targa straniera, proprio perché all’estero la copertura assicurativa obbligatoria a costi notevolmente inferiori, circa 150 € l’anno. Se la targa è di un Paese dell’Est, i costi sono ulteriormente ridotti. Avere una vettura con targa estera comporta, inoltre, dei vantaggi non indifferenti come per esempio l’esonero dal pagare la tassa di circolazione, non essere soggetti all’obbligo di revisione, con una targa estera non registrata al PRA è più facile eludere gli accertamenti fiscali e inoltre non si è soggetti alla sospensione della patente o decurtazione dei punti in caso di infrazione. Infine, le multe non saranno mai recapitate, poiché l’avviso di pagamento in caso di targa straniera viene inviato all’estero – con notevoli ritardi – almeno ché non vi sia una contestazione immediata. Ma se fosse così facile ottenere una targa straniera, tutti circolerebbero liberamente senza oneri. In realtà, la legge italiana prevede l’obbligo entro un anno di immatricolare la vettura con targa estera in Italia (nazionalizzazione della targa) o, altrimenti, dimostrare di avere la residenza stabile all’estero. Contravvenire alla norma è un illecito, oltreché essere molto rischioso in caso di incidente con un veicolo tecnicamente intestato a terzi e immatricolato all’estero. E anche dal punto di vista assicurativo, è bene sincerarsi che l’assicurazione straniera sia valida e riconosciuta anche sul territorio italiano (consultare il sito IVASS per la lista delle compagnie assicurative estere riconosciute in Italia).

Correlati

Potresti esserti perso