Giocatori Siviglia Festeggiano 150507230714
SEMIFINALI 7 Maggio Mag 2015 2305 07 maggio 2015

Europa League amara: Fiorentina ko a Siviglia, Napoli fermato in casa

Viola sconfitti 3-0 in Spagna, il Dnipro gela Benitez: 1-1 al San Paolo. La finale si allontana per entrambe.

  • ...

David Lopez e Marek Hamsik festeggiano il vantaggio del Napoli.

Serata no per le italiane in Europa Legue, col sogno di una finale tra Napoli e Fiorentina che si allontana in maniera quasi irrimnediabile. Il sorprendente pari dei ragazzi di Benitez in casa col Dnipro e la dolorosa sconfitta dei viola a Siviglia ridimensionano le ambizioni del calcio nostrano dopo l'impresa di Champions, con la Juve capace d'imporsi sul Real Madrid.
FIORENTINA SCIUPONA. In Spagna, Gomez e soci sono usciti sconfitti dal Sanchez Pizjuan con un 3-0 sul groppone quasi impossibile da ribaltare al Franchi. Un risultato fin troppo severo, a dire il vero, considerata la mole di occasioni buttate alle ortiche dalla Fiorentina, in particolare nella prima frazione di gioco. Siviglia avanti al 17' con un destro di Vidal lasciato libero di colpire dalla distratta retoguardia gigliata. Lo stesso esterno andaluso ha trovato il radoppio nella ripresa con la complicità di un Neto decisamente rivedibile. A chiudere i giochi la rete del francese Gameiro, a segno pochi secondi dopo il suo ingresso in campo.
NAPOLI GELATO IN EXTREMIS. Tremenda delusione anche al San Paolo, dove il Napoli è stato costretto al pari dagli ucraini del Dnipro, dopo l'iniziale vantaggio di David Lopez. Malgrado l'enorme disparità di conclusioni nello specchio della porta, i partenopei non sono stati in grado di chiudere il match e sono stati gelati da Seleznyov a nove minuti dal termine. Una rete, quella degli ucraini, arrivata nell'unica conclusione prodotta nello specchio della porta di Andujar e, soprattutto, viziata da un fuorigioco che ha madato su tutte le furie Aurelio De Laurentiis, arrivato a chiedere in sala stampa l'allontanamento del presidente Uefa Michel Platini.

Correlati

Potresti esserti perso