Motori 28 Maggio Mag 2015 1749 28 maggio 2015

Costo immatricolazione moto acquistata in UE

Ormai è diventata quasi una consuetudine l’acquisto di veicoli da paesi proveniente dai paesi fuori Italia e facenti parte dell’Unione Europea. Sembra infatti che si risparmi un bel po’.

  • ...

Unione Europea Ormai è diventata quasi una consuetudine l’acquisto di veicoli da paesi proveniente dai paesi fuori Italia e facenti parte dell’Unione Europea. Sembra infatti che si risparmi un bel po’. Di solito si tratta di auto ma spesso anche le moto vengono acquistate all’estero – se un paese dell’UE può ancora essere definito tale. Il veicolo può essere nuovo ma anche usato, quindi mai immatricolato oppure già immatricolato. Per trasferirlo in Italia è necessario seguire un iter specifico, innanzitutto immatricolarlo all’ufficio provinciale della Motorizzazione Civile e iscriverlo al PRA (pubblico registro automobilistico). Poi, a seconda che il veicolo sia usato o nuovo è necessario presentare altri documenti relativi all’acquirente. Potrete magari informarvi all’ACI della vostra città così da essere certi di presentare tutti i documenti necessari. Per quanto riguarda i costi di immatricolazione e l’iscrizione al Pra del veicolo, le somme dovute variano – non di molto comunque – da veicolo a veicolo e da provincia a provincia. In generale comunque la domanda di immatricolazione e il versamento devono essere indirizzate allo STA territoriale ovvero allo Sportello Telematico dell’Automobilista. Il costo totale si aggira intorno ai 150 €. Questa somma comprende le seguenti tasse: Imposta Provinciale di Trascrizione: variabile Emolumenti Aci: 27 € Imposta di bollo per iscrizione al PRA: 32€ Imposta di bolla DTT: 32€ Diritti DTT: 9€ Costi per il rilascio targhe: variabile.

Correlati

Potresti esserti perso