Motori 3 Giugno Giu 2015 1002 03 giugno 2015

Qual è l’autonomia di Renault Twizy

L’innovativo quadri ciclo della Renault, in vendita da aprile, va ad ampliare la gamma dei veicoli elettrici della casa francese. La Twizy è pratica e comoda

  • ...

La Twizy è la novità Renault per la mobilità cittadina a zero emissioni L’innovativo quadri ciclo della Renault, in vendita da aprile, va ad ampliare la gamma dei veicoli elettrici della casa francese. La Twizy è pratica e comoda in città come uno scooter, comoda, silenziosa, ecologica e sicura come una macchina. Il suo aspetto bizzarro, con le ruote sporgenti, la cellula di sicurezza rotondeggiante e i fari piccoli la rendono decisamente curiosa, e può diventare un’alleata efficace nella mobilità cittadina, ma anche nei brevi percorsi extra-urbani. Infatti, l’autonomia dichiarata della Twizy è di 100 km con una carica completa di batterie. Le batterie sono a litio e da sole pesano 100 kg (sui 450 kg del peso complessivo del veicolo). Una ricarica completa si effettua in 3 ore e mezzo collegandola alla presa domestica con l’apposito cavo a spirale dato in dotazione e riposto nel vano anteriore, chiuso da uno sportello. In fase di utilizzo l’autonomia reale varia a seconda dello stile di guida e dal traffico (intenso o scorrevole), fattori che incidono notevolmente. Percorrendo un tratto stradale per 50 km senza traffico si consumano circa ¾ di una carica completa; tuttavia la Twizy è dotata del sistema del recupero di energia in frenata, per cui se si utilizza spesso il freno motore, la batteria si ricarica permettendo di fare più strada e di raggiungere quella media stimata di 100 km. I vantaggi della Twizy sono da rintracciare nei bassi costi di esercizio e nella maneggevolezza, tuttavia se non si acquistano gli sportelli, la sensazione è quella di uno scooter con esposizione alle intemperie e ai rumori del traffico. Il climatizzatore non è previsto.

Correlati

Potresti esserti perso