Motori 8 Giugno Giu 2015 1108 08 giugno 2015

Come fare contestazione multe tutor

Quando arriva la multa per l’eccesso di velocità rilevato con il sistema del tutor si pensa che è un sistema così infallibile da non potervi sfuggire ed essere costretti solamente a pagare.

  • ...
Come fare per contestare le multe con il tutor

Quando arriva la multa per l’eccesso di velocità rilevato con il sistema del tutor si pensa che è un sistema così infallibile da non potervi sfuggire ed essere costretti solamente a pagare. In realtà anche le multe con il tutor si possono contestare e per numerosi motivi. Se ci si rende conto che la rilevazione effettuata dal tutor è errata si deve contestare la multa e fare ricorso. Questo deve essere presentato entro trenta giorni dall’arrivo della notifica, rivolgendosi al Giudice di Pace competente. La prima cosa da fare, per presentare ricorso, è pagare una tassa di 37 euro, indicando nel ricorso tutte le motivazioni per cui la rivelazione non è valida ed è consigliabile allegare tutte le sentenze precedenti che possono andar bene per il vostro caso. La cosa fondamentale cui prestare attenzione è a quale Giudice di Pace rivolgersi. Infatti la rilevazione e, quindi, la notifica della multa, deve essere fatta dall’autorità competente del secondo tutor, quello di uscita, e non del primo, quello in entrata. Può capitare, infatti, che i due tutor si trovi in due località diverse e relative competenze giudiziarie differenti. Quando si vuole fare la contestazione per le multe del tutor bisogna rivolgersi al Giudice di Pace del tutor di uscita, che è l’unico competente per risolvere le contestazioni.

Correlati

Potresti esserti perso