Motori 27 Agosto Ago 2015 1008 27 agosto 2015

Differenza tra strade statali e provinciali

  • ...

Per il Codice della Strada, le strade italiane vengono suddivise in diverse categorie sia dal punto di vista tecnico che da quello amministrativo. Tecnicamente, in Italia si hanno autostrade, strade extraurbane principali e secondarie, strade urbane, strade locali, strade ciclopedonali e infine strade di servizio. E dal punto di vista amministrativo? La classificazione amministrativa prevede strade comunali, strade vicinali e a uso privato. Le prime, quelle comunali, racchiudono le strade extraurbane di rilevanza comunale, cioè che possono unire il capoluogo con le frazioni o più frazioni tra di loro o con altri luoghi strategici come, ad esempio, stazioni, aeroporti e porti fungendo da servizio indispensabile per la collettività. Ma non solo. Sono strade comunali anche le strade urbane e quelle statali, regionali o provinciali, che attraversano centri con più di 10.000 più abitanti. Ci sono poi le strade vicinali, quelle cioè che non rientrano tra le strade statali, regionali, provinciali e comunali, e sono a uso pubblico o privato.

Differenza tra strade statali e provinciali

Per definizione, una strada statale ha un'utilità di rilevanza nazionale ed è quindi un'arteria fondamentale per lo Stato Italiano. Le SS sono così gestite dall'ANAS, che è l'Azienda Autonoma delle Strade, seppur con qualche eccezione a carattere regionale. Le strade provinciali, invece, siglate con SP, sono di proprietà del demanio e vengono affidate in gestione alla Orovincia di appartenenza.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso