Fifa: Platini Chiarirò tutto subito
CALCIO 8 Ottobre Ott 2015 1423 08 ottobre 2015

Blatter e Platini sospesi dal Comitato etico Fifa

I presidenti di Fifa e Uefa non potranno «esercitare attività collegata al calcio» per 90 giorni.

  • ...

Questa volta sembra proprio che la montagna non si limiterà a partorire un topolino. Lo scandalo che ha colpito la Fifa è troppo grosso per restare impunito, così la camera di giudizio del comitato etico dell'organizzazione che governa il calcio mondiale ha sospeso in modo provvisorio il presidente della Fifa Joseph Blatter, e quello dell'Uefa Michel Platini per 90 giorni. Stesso provvedimento per il segretario generale Jerome Valcke.
«Durante questo periodo è vietato loro esercitare qualsiasi attività collegata al calcio a livello nazionale e internazionale», si legge nella nota del comitato, «le sospensioni entrano in vigore immediatamente». La mattina di giovedì 8 ottobre Platini aveva rilasciato un comunicato in cui confermava la sua candidatura a presidente della Fifa.
BLATTER ALLE CORDE. Il verdetto potrebbe porre fine dopo decenni al dominio di Joseph Blatter sul calcio mondiale, che comunque si sarebbe dimesso il 26 febbraio prossimo.
Sfiorato da mille scandali, scosso dalla retata dello scorso maggio (pochi giorni prima della sua quinta elezione alla presidenza), costretto ad annunciare le dimissioni rinviandole però al 26 febbraio quando si voterà il successore, a fine settembre l'ex colonnello svizzero è stato indagato ufficialmente dalla Procura generale elvetica e ora i nodi giungono definitivamente al pettine.
L'ACCUSA: 2 MILIONI A PLATINI. Uno dei due capi d'accusa sollevati dalla magistratura svizzera nei confronti del patron del calcio mondiale riguarda il versamento sospetto di 2 milioni di dollari effettuato nel 2001 a favore del francese per lavori compiuti per la Fifa oltre un decennio prima. Platini è solo coinvolto come persona informata sui fatti e si credeva che il Comitato etico non si sarebbe pronunciato sul candidato più accreditato alla presidenza della Fifa. «Ho sempre agito con onestà», ha scritto Platini in un comunicato stampa, «con coraggio e franchezza, perché penso sia mio dovere morale. Continuerò a fare tutto il necessario affinché venga accertata la verità».
Blatter continua intanto a proclamarsi estraneo alle accuse. «Sono stato condannato senza che ci sia alcuna prova di irregolarità da parte mia. È davvero scandaloso», ha affermato in un'intervista a un settimanale tedesco, rilasciata 10 giorni dopo l'irruzione degli investigatori elvetici al quartier generale Fifa di Zurigo, con perquisizioni, interrogatori e sequestri di documenti.
BLATTER: «IL BENE PREVARRÀ». Indagato per gestione fraudolenta e appropriazione indebita, il cinque volte presidente della Fifa si mostra indignato, ma anche fiducioso di uscirne ancora una volta pulito. «Farò un passo indietro solo il 26 febbraio, non un giorno prima. Fino ad allora mi batterò per me e per la Fifa e sono convinto che prima o poi il male verrà alla luce e il bene prevarrà».
Il Comitato etico ha sospeso per sei anni e ha stabilito una multa di 100.000 franchi svizzeri per il candidato alla presidenza coreano, Chung Mong-joon, per sospetti di corruzione per il suo sostegno alla candidatura della Corea del Sud ai Mondiali 2022.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso