Nissan 160414124609
AUTOMOTIVE 15 Aprile Apr 2016 0900 15 aprile 2016

Nissan e Genertel, grazie all'hi-tech l'Rc auto costa meno

Polizza scontata del 10% per le auto equipaggiate con il pacchetto di guida sicura Safety Shield. 

  • ...

Quando si parla di automotive la tecnologia può aiutare a prevenire gli incidenti stradali e, in alcuni, casi si trasforma anche in un prezioso alleato per il portafogli perché permette di risparmiare sulla polizza.
Questo è l’obiettivo dell’accordo fra Nissan e Genertel (la branca delle Assicurazioni Generali che opera solo sul web e telefonicamente): l’obiettivo è premiare chi acquisterà un veicolo della casa giapponese dotato del Nissan Safety Shield - un “pacchetto” ad alta tecnologia capace di aumentare la sicurezza alla guida - con uno sconto del 10% sull'assicurazione Rca.
ASSISTENZA LEGALE E PROTEZIONE IMPREVISTI. A questo si aggiunge per un anno anche la l''assistenza legale' a soli 10 euro e la polizza “Protezione imprevisti” gratuita.
Con questa polizza, la compagnia rinuncia alla rivalsa nei confronti dell’automobilista per guida sotto l’effetto di alcol o con un veicolo non in regola con la revisione.
Inoltre permetterà il rifacimento della patente in caso di smarrimento e delle chiavi dell’auto in caso di furto o perdita.
DIMINUZIONE DELL'INCIDENTALITÀ. «Abbiamo riscontrato una diminuzione dell’incidentalità anche del 15-20% nei veicoli Nissan equipaggiati con il Safety Shield rispetto a quelli che non erano dotati di queste tecnologie», ha detto l’amministratore delegato di Genertel, Manlio Lostuzzi.
La compagnia assicurativa è da sempre attenta alla sensibilizzazione degli utenti sulla sicurezza in strada: è stata infatti la prima in Italia a introdurre anni fa “Quality Drive”, una black box avanzata in grado di monitorare lo stile di guida e incentivare la guida responsabile. Promuovere comportamenti virtuosi e sicuri.

Un 'pacchetto' hi-tech a servizio della sicurezza

Oggi la partnership con Nissan, invece, è possibile grazie al “pachetto” Safety Shield messo a punto dalla casa automobilistica nipponica.
Si tratta di un insieme di dispositivi che tengono alta l’attenzione del guidatore, segnalando situazioni potenzialmente critiche o pericolose: dal sistema di rilevamento attenzione del guidatore, che attiva un allarme sul cruscotto quando riconosce nei suoi gesti segni inequivocabili di stanchezza, fino al sistema di frenata di emergenza e quello di copertura degli angoli ciechi, che segnala la presenza di veicoli nei cosiddetti “coni d’ombra”, non coperti degli specchietti retrovisori.
UN'AZIENDA PROIETTATA AL FUTURO. Un filosofia aziendale volta all’innovazione che in Nissan non è una novità.
«Siamo stati la prima casa automobilistica ad attivare un servizio di contatto diretto con la clientela a fine Anni 80. Nel 1998, siamo stati anche i primi, nel settore auto in Italia, ad avere un sito internet», ha detto l’amministratore delegato di Nissan, Bruno Martucci, ricordando l’altra rivoluzione portata nel 2010 con la Leaf, la prima auto elettrica.
E ora Nissan cammina a passo deciso verso il prossimo futuro dell’auto e della mobilità.
NEL 2020 LE VETTURE A GUIDA AUTONOMA. Già dal 2017 il Crossover Qashqai sarà disponibile in Europa con sistema Piloted Drive ed entro il 2020 Nissan lancerà una gamma di veicoli dotati di guida completamente autonoma.
Auto intelligenti che sapranno riprodurre automaticamente lo stile di guida del conducente e saranno capaci di compensare l’errore umano, che oggi è causa di oltre il 90% di tutti gli incidenti automobilistici.

Twitter @ClaudiaLaVia

Correlati

Potresti esserti perso