Lorenzo Insigne 160622230330
VOTI 22 Giugno Giu 2016 2304 22 giugno 2016

Italia-Irlanda 0-1, le pagelle

Italia ko con l'Irlanda. Insigne gioca 16 minuti, ma è comunque il migliore. Sirigu luci e ombre. Malissimo Thiago Motta.

  • ...

La prima sconfitta dell'Italia a Euro 2016 non fa male. Una squadra piena di riserve cede per 1-0 all'Irlanda, che si qualifica per gli ottavi (rivivi la partita).
Gli Azzurri, già primi e con la testa alla Spagna, giocano male. Ecco le pagelle dell'incontro.

Nervi tesi tra Shane Long e Salvatore Sirigu ©Ansa.

SIRIGU 6 Miracoloso sul colpo di testa di Murphy. Bravo a stare in piedi fino all'ultimo nell'uno contro uno con Hoolahan. Esce tanto e in un paio di occasioni la cicca. L'ultima, sul colpo di testa di Brady, è fatale.

BARZAGLI 6,5 Un suo scivolone al 30' del primo tempo rischia di far saltare i meccanismi della difesa, e per poco Long non ne approfitta. Dalle sue parti gira McClean, il più brillante degli attaccanti irlandesi, ma se la cava bene. Peccato per quel giallo che lo manda a fare compagnia a Bonucci e Chiellini tra i diffidati. Una bella spada di Damocle contro la Spagna.

BONUCCI 5 La scarsa qualità degli attaccanti irlandesi potrebbe dargli una serata di relativa tranquillità. Allora decide di complicarsi la vita da solo nel finale. Prima serve Hoolahan che spara addosso a Sirigu, poi si fa scavalcare dal cross dalla trequarti dello stesso Hoolahan che manda in gol Brady. Colpevole.

OGBONNA 6 Long passa più tempo a litigare che a provare a saltare l'uomo. Meglio per lui, che non perde la calma e gestisce quella che sembra essere poco più che ordinaria amministrazione.

BERNARDESCHI 5 Quando controlla il pallone dimostra di avere una qualità decisamente sopra la media di una Nazionale così così. Rischia tantissimo, però, con un contatto su McClean che sarebbe da rigore. E alla fine, nel concreto, non è mai pericoloso.

STURARO 4,5 Dovrebbe essere quello che picchia di più, finisce per essere quello picchiato di più. Soffre il pressing irlandese da cui raramente riesce a uscire palla al piede. Quando lo fa, finisce comunque per perdere il pallone causa inadeguati mezzi tecnici.

Thiago Motta, peggiore in campo contro l'Irlanda ©Ansa.

THIAGO MOTTA 4 Parte bene, con un paio di buone verticalizzazioni. Ma l'illusione dura 10 minuti. Poi si perde, tornando quello opaco degli ultimi tempi. Sbaglia tutti i passaggi che abbiano un coefficiente di difficoltà sopra l'1,5. L'assist migliore lo fa a Coleman, con un disimpegno da incubo al centro della sua area di rigore. Comincia a dare ragione a chi si scandalizzava per il 10 capitato sulle sue spalle.

FLORENZI 5,5 Non è un interno di centrocampo, meno che mai a sinistra. E si vede. Ci sono momenti in cui la qualità emerge, ma sono pochissimi e vanno cercati col lanternino. Cerca la posizione per tutta la partita senza trovarla, riesce pure a prendere sul naso. E pensare che, con Candreva a riposo, avrebbe potuto giocare sulla destra, lì dove è di casa.

DE SCIGLIO 5 Dicono che Conte l'abbia schierato titolare. Qualcuno sostiene persino di averlo visto in campo nel primo tempo. In realtà, non fosse per un cross recapitato a Zaza nella ripresa, in pochi si accorgerebbero di lui.

ZAZA 6 Un suo sinistro al volo su cross di De Sciglio sfiora la traversa. Per il resto ci mette tanta corsa, tanto pressing, ma forse poca lucidità. Un passo indietro e mezzo rispetto alla prestazione contro la Svezia.

IMMOBILE 5,5 La tecnica non è di primissimo livello, ma quanta grinta. Parte a mille e nel primo tempo è l'unico Azzurro ad andare vicino alla porta difesa da Randolph con un tiro da fuori. Nella ripresa sparisce.

DARMIAN 5 Entra al posto di un Bernardeschi evanescente e lo rileva in tutto e per tutto. Impalpabilità compresa.

Lorenzo Insigne ©Ansa.

INSIGNE 6,5 Va in campo per Immobile e boom! Prima un gran lancio che Sturaro non aggancia, poi un destro a giro sul palo che ricorda quello di Eder con la Svezia e quindi anche quello di Baggio con la Bulgaria nel '94. Ha il passo per accelerare, il piede per colpire. La cosa migliore della serata.

EL SHAARAWY 6 Fa più lui in 10 minuti che De Sciglio in 80. Lascia il segno con un tiro in porta bloccato a terra da Randolph. La sua rapidità poteva mettere in difficoltà la difesa irlandese. Peccato

CONTE 6 Fosse per lui vorrebbe sempre vincere, ma sapeva che questa partita valeva poco e nulla e ha deciso di assumere dosi massicce di turnover. La cosa peggiore che gli capita non è la sconfitta, ma l'ammonizione di Barzagli. Magari avrà pensato che era il caso di lasciare a riposo pure lui. Sì, ma poi chi giocava?

Twitter @GabrieleLippi1

Articoli Correlati

Potresti esserti perso