Milan Paradiso
6 Gennaio Gen 2017 1500 06 gennaio 2017

Il Milan entra nella mappa offshore di Football Leaks

Il denaro per il secondo acconto non arriva da Pechino, ma da Road Town. Cittadina sull'Isola caraibica di Tortola. Dove hanno i conti Mendes e Ronaldo. È l'ennesima tappa di un closing interminabile.

  • ...

Nell’interminabile vicenda del closing milanista, ecco fare capolino l’amena località che risponde al nome di Tortola, Isole Vergini Britanniche. Cioè il luogo più affollato dell’offshore calcistico, come rivelato a fine 2016 da Football Leaks. Dal 4 gennaio, anche la soap del passaggio di proprietà rossonero transita da lì, come ha svelato il sito Calcio & Finanza. Un articolo di Matteo Spaziante, con tanto di documento scaricabile, ha rivelato la provenienza dei fondi serviti a finanziare la seconda caparra da 100 milioni di euro, versata da Sino Europe sports (Ses) per ottenere un ulteriore slittamento del closing al 3 marzo.

SENZA L'AUTORIZZAZIONE DI PECHINO. Quei denari, che si aggiungono alla precedente caparra di analogo ammontare, sono stati corrisposti il 13 dicembre 2016 portando a 200 milioni (sui 520 totali) l’anticipo versato da Ses. E grazie allo scoop di Calcio e Finanza veniamo a sapere che non vengono dalla Cina, ma dal paradiso fiscale preferito dal pallone. Il denaro che ha permesso di finanziarie la seconda caparra senza necessità di ottenere le autorizzazioni dal governo cinese (condizione che, secondo la versione ufficiale, sarebbe il motivo del ritardo nel closing) provengono da una società denominata Willy Shine international holdings limited. A ricevere quel denaro è la società veicolo Rossoneri sport investment co. limited. Le firme in calce all’accordo per il trasferimento del denaro sono quelle di Ren Yubing per conto del prestatore e di Chen Huashan per conto di Ses. E a essere degni di menzione, come sempre succede quando si deve seguire la rotta del denaro, sono gli indirizzi. Rossoneri sport investment ha sede legale a Hong Kong, ormai trasformato nel principale hub finanziario asiatico. Molto più significativa è la location di Willy Shine international: Craigmuir Chambers, Road Town, Tortola.

Una veduta di Road Town, Tortola, Isole Vergini.

Provate a digitare quest’ultima stringa nella maschera di ricerca di Google. Vi si comporrà automaticamente dopo che avrete battuto pochi caratteri. È uno degli indirizzi strategici della finanza offshore, un nodo dal quale parte una fitta ragnatela di sigle e società schermo per decodificare la quale occorrono tempo e pazienza. Il database di Offshore leaks costruito dall’International consortium of investigative journalists (Icij), il consorzio che lavora sui Panama papers, ne offre un grafico molto interessante e tutto da decodificare. Ancora più intricato è il grafico che risulta se si segue il suggerimento offerto dal motore di ricerca, quello di aggiungere “P.O. Box 71”.

UNA CITTADINA DI 10 MILA ABITANTI. Di sicuro c’è che Road Town è il centro di gravità permanente del calcio offshore. Si tratta di una cittadina di nemmeno 10 mila abitanti nell’Isola di Tortola. Il suo più vecchio edificio risulta essere la prigione, costruita nel 1840. Ironie della sorte e della storia, per un luogo dove adesso la libertà del capitale finanziario sconfina nell’anarchia. A Road Town trovano posto altri luoghi dell’economia parallela del calcio globale. Uno di questi è Vanterpol Plaza, dove sorge un’anonima palazzina a due piani. Al pianterreno c’è una farmacia, mentre il primo ospita la sede d’una miriade di letterbox company. Fra queste ci sono le società costruite dalla Gestifute di Jorge Mendes per far planare da quelle parti i proventi da diritti d’immagine percepiti dai suoi assistiti, Cristiano Ronaldo in primis. Ma lì trova sede anche Vibrac corporation, una società finanziaria alla quale molti club della Premier League inglese si sono rivolti negli anni passati per ottenere prestiti sospetti. Adesso anche il Milan, sia pure indirettamente, entra nella mappa. In attesa che il closing arrivi una volta per tutte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso