MNB S Request Manager
13 Giugno Giu 2017 1514 13 giugno 2017

Cristiano Ronaldo, i guai fuori dal campo dell'asso portoghese

CR7 denunciato per evasione fiscale: non avrebbe versato oltre 14 milioni all'Agenzia delle Entrate spagnola. Una nuova tegola dopo le rivelazioni di Football Leaks. E le accuse di violenza sessuale.

  • ...

Si appresta a conquistare il quinto Pallone d'oro in carriera, completando la rincorsa a Lionel Messi al termine di una stagione esaltante che lo ha visto bissare il successo in Champions League accompagnandolo al ritorno alla vittoria in Liga. Appena l'estate scorsa era stato il leader e trascinatore del Portogallo trionfatore dell'Europeo in terra francese. Eppure per Cristiano Ronaldo non mancano le apprensioni extra-calcistiche. Ombre che non offuscano la grandezza sul campo di CR7, ma che destano preoccupazione per l'impero mediatico-commerciale che il portoghese ha eretto attorno a sé.

OLTRE 14 MILIONI NON PAGATI. È di queste ore la notizia della denuncia per presunta frode fiscale da parte della sezione reati economici della procura di Madrid. L'asso madridista è accusato di quattro reati e di non avere pagato all'Agenzia delle Entrate 14,76 milioni di euro fra il 2011 e il 2014. Di recente, il fuoriclasse portoghese era stato oggetto di un'inchiesta di Fotball Leaks pubblicata a dicembre, secondo cui avrebbe dirottato verso le Isole Vergini pagamenti pubblicitari per 150 milioni di euro.

ACCUSE ANALOGHE A MESSI. Ronaldo, stando alla versione della procura, avrebbe usato una società creata nel 2010, un anno dopo l'arrivo a Madrid, per «nascondere al fisco i redditi generati in Spagna» dai suoi diritti di immagine. L'impianto accusatorio si basa tra l'alto sulla sentenza con la quale la Corte suprema spagnola in maggio ha confermato la condanna di 20 mesi a Lionel Messi per frode fiscale. Una condanna non resa esecutiva in quanto inferiore ai due anni

Secondo la denuncia presentata dalla procura di Madrid, Ronaldo avrebbe frodato il fisco spagnolo in forma «consapevole» e «volontaria». Le tasse sui diritti d'immagine non pagate all'Agenzia delle Entrate di Madrid sarebbero di 1,39 milioni nel 2011, 1,66 nel 2012, 3,20 nel 2013 e 8,50 nel 2014. Solo il mese scorso l'Agenzia delle entrate spagnola aveva rivelato che Ronaldo nel 2014 aveva pagato 6 milioni di euro supplementari per regolarizzare la propria posizione fiscale degli anni precedenti. Secondo la stampa di Madrid, se fosse riconosciuto colpevole CR7 potrebbe rischiare una condanna di fra uno e cinque anni.

LE ACCUSE DI VIOLENZA SESSUALE. Sempre Football Leaks lo aveva tirato in ballo per una vicenda, tutta da dimostrare, potenzialmente ancor più esplosiva. Lo Spiegel aveva infatti scritto nei mesi scorsi che il calciatore nel 2009 sarebbe stato denunciato da una donna statunitense. E i suoi avvocati avrebbero pagato 375 mila dollari per chiudere il caso. Il settimanale ha citato anche un accordo extragiudiziale, un settlement memorialization, con almeno nove avvocati coinvolti, del 12 gennaio 2010: documento nel quale la donna avrebbe accettato di mantenere il riserbo sulla vicenda in cambio del denaro. L'entourage di Ronaldo ha negato tutto, compresa la transazione, col legale del calciatore che ha detto: «Le accuse devono essere respinte completamente perché incorrette e saranno intraprese azionI legali».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso