Italia Olanda
28 Settembre Set 2017 1727 28 settembre 2017

Europei di pallavolo 2017, Olanda batte Italia 3-0 nei quarti di finale

Le oranje rimangono la bestia nera delle azzurre. La squadra di coach Mazzanti perde in tre set senza riuscire mai a entrare in partita. Le azzurre prolungano il digiuno da podio che dura dal 2009.

  • ...

Niente da fare per le Azzurre, l’Olanda rimane bestia nera e batte l'Italia con un netto 3-0 (25-17, 25-20 e 25-13) nei Quarti di finale degli Europei di pallavolo 2017. Dopo un primo set combattuto e vissuto sull’altalena, le ragazze di coach Mazzanti hanno provato a reagire con le bordate di Paola Egonu nel secondo parziale, comunque vinto da Belien e compagne per 25-20. Troppi errori, invece, nella frazione finale, persa malamente dalle italiane per 25-13. Proseguono dunque in semifinale le oranje, mentre torna a casa l’Italia che non riesce a battere l'Olanda ormai da 6 anni. Un risultato che prolunga il digiuno da podio per la nazionale femminile di volley del nostro Paese agli europei, che dura da Polonia 2009, anno in cui le azzurre vinsero il loro ultimo titolo continentale. A parziale giustificazione delle italiane bisogna citare le tante assenze importanti, come quelle di Sylla e Malinov costrette a rimanere fuori per infortunio, e gli acciacchi fisici patiti da Lucia Bosetti e De Gennaro nel corso del torneo.

GRANDE AMAREZZA TRA LE AZZURRE. C'è amarezza in casa Italia dopo la sconfitta contro l'Olanda. Alessia Orro, palleggiatrice azzurra, commenta così a caldo dagli spogliatoi di Baku (Azerbaijan): le olandesi «sono state brave a metterci in difficolta e a non farci esprimere il nostro gioco», e poi ha aggiunto che «la nazionale finisce qua» il suo cammino «ma con tanto rammarico e comunque con la consapevolezza che potevamo fare di più». Fa eco alla compagna il centrale Cristina Chirichella: «Noi non siamo queste», ha detto, «loro hanno giocato una grande partita ma glielo abbiamo permesso noi».

Il tabellino della gara

ITALIA - OLANDA 0-3

(25-17, 25-20, 25-13)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso