Nazionale Italia
5 Ottobre Ott 2017 1003 05 ottobre 2017

Play-off Mondiali 2018: l’Italia e le altre nazionali in corsa

Non solo gli azzurri, molte altre nazionali europee si giocano l'accesso, diretto o via playoff, a Russia 2018 nelle ultime due giornate dei gruppi di qualificazione. La situazione girone per girone.

  • ...

Tra giovedì 5 ottobre e martedì 10 ottobre si giocano le ultime due partite dei gironi di qualificazione ai mondiali di Russia 2018 (guarda qui il regolamento e le squadre già qualificate). In Europa 30 squadre si contendono gli undici posti a disposizione per la Coppa del Mondo che avrà inizio il 14 giugno. Nove nazionali, le prime di ogni girone, ottengono la qualificazione diretta, mentre le otto migliori seconde – fra cui, con ogni probabilità l’Italia – si contendono gli altri quattro pass per Russia 2018 in altrettanti playoff. Vediamo la situazione girone per girone a partire da quello degli azzurri.

GIRONE G: SPAGNA PRIMA, ITALIA UN PUNTO AI PLAYOFF. La Spagna è prima con tre punti sull’Italia e con una miglior differenza reti: a meno di improbabili scivoloni le furie rosse sono certe della qualificazione diretta. All’Italia, invece, basta fare un punto nei due match con Macedonia (qui data, orario e dove vedere la partita) e Albania per aver la certezza matematica dei playoff.

GIRONE A: FRANCIA PRIMA, MA OCCHIO ALLA SVEZIA. La Francia è prima, ma deve guardarsi dal ritorno della Svezia: è prima se il 7 ottobre vince in Bulgaria e gli svedesi incappano in un’improbabile sconfitta in casa con il Lussemburgo. Altrimenti, deve battere la Bielorussia nell’ultima giornata e contare sull’orgoglio dell’Olanda, terza, che il 10 ottobre si gioca le sue ultime speranze di accedere ai playoff nello scontro con la Svezia

GIRONE B: SVIZZERA DAVANTI, IL PORTOGALLO SPERA. La Svizzera è a un passo dalla Russia, con 3 punti di vantaggio sul Portogallo. La nazionale di Cristiano Ronaldo è sicura del secondo posto, ma se vuole raggiungere gli elvetici deve vincere contro Andorra e sperare in un esito positivo dello scontro diretto con la Svizzera del 10 ottobre.

GIRONE C: GERMANIA QUASI AI MONDIALI.. Giochi pressoché fatti, con la Germania saldamente in testa e l’Irlanda del Nord matematicamente ai playoff come seconda. Dopo aver collezionato otto vittorie nelle prime otto partite, ai tedeschi basta un pareggio nella sfida con l’Irlanda del Nord per ottenere la certezza del primo posto.

GIRONE D: SERBIA IN VANTAGGIO SU GALLES E IRLANDA. La Serbia è in testa con quattro punti di vantaggio sul Galles ed è certa del primo posto se vince in Austria nella penultima partita del girone oppure se pareggia e Galles e Irlanda non vincono. Per il secondo posto giochi aperti fra Galles e Irlanda, con i gallesi in vantaggio di un punto, mentre l’Austria è a un passo dall’eliminazione.

GIRONE E: POLONIA VICINA A RUSSIA 2018. La Polonia è avanti di tre punti ed è sicuramente prima se vince in Armenia e Danimarca e Montenegro pareggiano nello scontro diretto per il secondo posto del 5 ottobre.

GIRONE F: INGHILTERRA VICINA ALLA QUALIFICAZIONE. L’Inghilterra accede direttamente a Russia 2018 battendo la Slovenia il 5 ottobre a Wembley, o anche pareggiando se non vince la Slovacchia. Proprio la nazionale di Hamsik e la Slovenia si giocano il secondo posto per i playoff, con gli slovacchi in vantaggio di un punto sugli sloveni.

GIRONE H: BELGIO MATEMATICAMENTE QUALIFICATO. Il Belgio è la sola squadra già matematicamente qualificata, avendo blindato il primo posto nel suo girone con un vantaggio di otto punti sulla seconda, la Bosnia-Erzegovina. La nazionale di Dzeko è un punto avanti sulla Grecia: le due squadre si giocheranno l’accesso ai playoff nelle ultime due giornate che vedono la Bosnia impegnata contro Belgio ed Estonia e la Grecia contro Cipro e Gibilterra.

GIRONE I: CROAZIA E ISLANDA A PARI PUNTI. Grande equilibrio con Croazia e Islanda prime a pari punti (16). Dietro di loro, a due punti di distanza, Ucraina e Turchia. Primo e secondo posto, quindi, sono ancora tutti da decidere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso