Juventus Tottenham Higuain Kane Eriksen Champions League
13 Febbraio Feb 2018 2237 13 febbraio 2018

Champions League, Juventus-Tottenham 2-2

Gli uomini di Allegri fermati sul pareggio nella sfida casalinga contro il club londinese. Bianconeri avanti con una doppietta di Higuain, poi raggiunti da Kane e Eriksen.

  • ...

Il ritorno a Londra dirà se quello del 13 febbraio è stato un incidente di percorso per la Juve, rimontata dal Totteham dopo un avvio folgorante: 2-0 in 9' con doppietta di uno scatenato Higuain. Partenza sprint per i bianconeri, ma lungo la corsa è piaciuto di più il Tottenham, con Eriksen migliore in campo e Kane puntuale all'appuntamento con il gol anche se la Juventus ha avuto tre enormi occasioni per il 3-1: un'azione di rimessa conclusa da Higuain in combutta con Pjanic e in pieno recupero del primo tempo qundo lo stesso argentino ha scaricato il pallone del secondo rigore bianconero sulla traversa; al 12' della ripresa, infine, Lloris ha fatto la parata più importante della serata respingendo un sinistro incrociato di Bernardeschi.

JUVENTUS SBILANCIATA CON SOLO DUE CENTROCAMPISTI. Nella Juve erano in tre in ballo per la maglia di vice-Matuidi, ma Allegri ha giocato un'altra carta, rispolverando il 4-2-3-1 anche senza Dybala, con Bernardeschi e Mandzukic ai lati di Douglas Costa, Higuain punta avanzata e tutti in panchina Sturaro, Marchisio e Bentancur. Una squadra più offensiva per bilanciare il 4-2-3-1 inglese con gli ottimi Eriksen e Alli e Lamela dietro Kane. La Juventus ha schiacciato subito l'acceleratore, per non lasciare spazi al gioco del Tottenham. Trenta secondi scarsi, fallo su Pjanic a 30 metri dalla porta. Tocco del bosniaco per Higuain, difesa inglese sorpresa e diagonale vincente dell'argentino.

DOPPIO HIGUAIN IN AVVIO. Bianconeri sulla ali dell'entusiasmo, difesa del Tottenham incerta: Davies ha sgambettato in area Bernardeschi, rigore e doppietta del 'Pipita'. Subito dopo però il Tottenham si è messo a giocare sciorinando il suo gioco d'attacco con tecnica e movimento veloce della palla. Gli 'Spurs' si sono fatti sempre più sotto, mettendo pressione alla difesa bianconera: Buffon ha salvato (25') su colpo di testa ravvicinato di Kane, poi destro con effetto di Eriksen che è sfrecciato a una spanna dal palo. De Sciglio ha anticipato in piena area Alli (30?) e sul capovolgimento di fronte dribbling e finte di Higuain (30') con pallone a sfiorare il palo.

KANE E ERIKSEN PER UN PAREGGIO BEFFA. Al 35' Kane è stato bravo a superare prima Chiellini e poi Buffon riaprendo completamente la partita. All'ultimo minuto del primo tempo Higuain si ripresenta sul dischetto per un rigore ottenuto da un fallo di Aurier su Douglas Costa. Ma a differenza dei precedenti il Pepita non riesce a ottenere il 3-1. Nella ripresa è stato bravo invece Loris a negare il gol a Bernadeschi. Al 21' Allegri ha messo forze più fresche, Bentancur al posto di Khedira. Ma è arrivato il pareggio di Eriksen, con complicità della barriera che ha fatto passare il pallone. Tottenham un po' spremuto nel finale. Vertonghen ha anticipato Higuain rischiando l'autogol dopo una percussione sulla sinistra di Douglas Costa, ma è stato l'ultima chance dei bianconeri, a loro volta con poche energie nel finale.

ALLEGRI: «SARA' DURA MA CE LA GIOCHIAMO». «Abbiamo le carte in regola per andare a Londra a giocarci il passaggio del turno, anche se sappiamo che sarà una partita difficile». Massimiliano Allegri, ospite di 'Premium Sport', si è mostrato fiducioso nonostante il 2-2 casalingo. Match che dopo 9 minuti la Juve conduceva 2-0. «Siamo partiti benissimo, poi abbiamo subito il ritorno del Tottenham, sbagliando qualche palla in uscita», ha ammesso il tecnico, «Loro facevano tanta pressione. E nella ripresa abbiamo concesso poco e niente. Sapevamo che era difficile, a Londra dovremo andare a vincere. Loro sul 2-0 hanno spinto sull'acceleratore, noi ci siamo abbassati troppo. Sono una squadra molto fisica e tecnica. Non abbiamo mai pensato che si potesse 'uccidere' il Tottenham già questa sera».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso