Piemonte Valentino
Viaggi 27 Luglio Lug 2015 1647 27 luglio 2015

Torino l'ammaliatrice tra passato e futuro

Non solo Mole Antonelliana. Il fascino del capoluogo piemontese si respira grazie alla sua storia e alla frizzante spinta all'innovazione.

  • ...

Sono rare le città che sanno offrire al tempo stesso un'atmosfera dinamica e frizzante, un'offerta culturale di grande spessore, un patrimonio storico vasto e affascinante. Torino è senza dubbio tra queste.

Se si arriva verso ora di cena, magari dopo la visita a Expo, si notano subito i locali di tendenza affollati per l'aperitivo nelle eleganti vie del centro, accanto a locali storici che sono golose macchine del tempo dove gustare specialità al cioccolato come il gianduiotto.

Colline e montagne sono lo sfondo di una scenografia nella quale spiccano palazzi storici e residenze reali come Palazzo Reale e Palazzo Madama, il Castello del Valentino e la Villa della Regina. Tutti parte di un complesso noto come “la corona di delizie”, così come il Castello di Moncalieri e la grandiosa Reggia di Venaria Reale, tornata all’iniziale splendore dopo un importante restauro.

Al centro del palcoscenico torinese c'è il torreggiante simbolo della città, la Mole Antonelliana, che custodisce al suo interno il Museo del Cinema, un viaggio tra sogni e invenzioni della Settima Arte. A Torino c'è anche il Museo Egizio più importante al mondo dopo quello del Cairo, ancora più coinvolgente dopo il recente riallestimento con dotazioni tecnologiche e multimediali.

E ci sono sempre mostre di richiamo internazionale, come quella dedicata a Tamara De Lempicka, a Palazzo Chiablese fino al 30 agosto. Senza dimenticare la Sacra Sindone, il sudario che secondo la tradizione avrebbe accolto il corpo di Cristo dopo la sua morte, custodita nel Duomo.

Intro Piemonte
Patrimonio Unesco
Natura e Sport
Gusto

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati