Viaggi 6 Agosto Ago 2015 0900 06 agosto 2015

Piemonte da scoprire. A due passi da Expo

  • ...

La Mole Antonelliana, simbolo di Torino. C'è una regione che dista solo poche decine di chilometri da Expo. Che ha una straordinaria varietà di attrattive, dall'enogastronomia, con vini superbi come il Barolo e prelibatezze come il tartufo bianco d'Alba, alla storia, con le ventuno Residenze Reali patrimonio dell'Unesco; dalla cultura, con il Museo Egizio e quello del Cinema alla Mole Antonelliana, alla natura, con 63 aree protette, i laghi, l'alta montagna dove camminare e ritemprarsi d'estate e sciare d'inverno. Quella regione è il Piemonte. Perché non approfittare della visita all'Esposizione Universale per scoprire almeno qualcuna delle sue eccellenze? Torino è a meno di un'ora di treno. Ed è una città che vale il viaggio, un tempo capitale d’Italia e dell’industria, oggi nuova capitale di cultura e design con le sue gallerie, i tanti chilometri di portici, le mostre. Ma in mezz'ora d'auto da Expo si raggiungono anche le sponde del Lago Maggiore e di quello d'Orta, in un'ora le colline coperte di vigneti del Monferrato, dalle quali spingersi fino a quelle delle Langhe e del Roero. Un paesaggio vitivinicolo incantato, non a caso inserito nel Patrimonio dell'Umanità Unesco. E per riposarsi dopo le fatiche di Expo niente di meglio delle terme di Acqui, i cui effetti benefici erano già apprezzati dagli antichi romani. A voi la scelta: le mille tentazioni del Piemonte vi aspettano. Torino Patrimonio Unesco Natura e Sport Gusto

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati