A.C.A.B. (All Caps Are Bastards)

19 Agosto Ago 2014 1444 19 agosto 2014

Internet bazaar

  • ...

A distanza di un anno dall’acquisto che ha cambiato per sempre la storia del gironalismo americano, sull’edizione online del Washington Post è comparso per poche ore il pulsante “compra ora” all’interno di un articolo. Il Post ha minimizzato l'accaduto spiegando essersi trattato di un banale errore di formattazione.

In realtà, secondo gli esperti l’episodio é il segnale del grande fermento in corso nell’industria del commercio elettronico. Una super-competizione che passa attraverso due nodi: le piattaforme e la pubblicità. Come, per esempio, conferma anche l’ultima iniziativa di Mark Zuckerberg, che ha inserito i pulsanti “buy” nella versione americana di Facebook.

Oltre alla sfida in corso sull'advertising online con Google, questa mossa apre infatti un ulteriore fronte. Secondo quanto ha riportato il Sunday Times, il vero obiettivo sarebbe Amazon: Facebook può contare su oltre 1,3 miliardi di iscritti, una popolazione grande come la Cina, potenzialmente in grado di acquistare senza mai uscire dalla piattaforma.

Insomma, é una lotta senza esclusione di colpi quella in corso tra i protagonisti della internet economy. Basti pensare che il Times ha celebrato, a pagina 3, il quindicesimo compleanno di eBay nel Regno Unito, che la cinese Alibaba è sotto i riflettori per la prossima quotazione a Wall Street, e che il Guardian ha annunciato i piani di Groupon per trasformarsi in un centro commerciale online in piena regola.

Di più su: EconomiaWeb