Alexanderplatz

20 Settembre Set 2017 1414 20 settembre 2017

Ultimi sondaggi: crescono i piccoli partiti, Afd può diventare terza forza

  • ...

Gli ultimi sondaggi a pochi giorni dal voto segnalano tutti una doppia tendenza: un calo dei due partiti maggiori, la Cdu e l'Spd, e una crescita di quasi tutti i partiti minori (da Afd a Fdp fino alla Linke) con l'unica eccezione dei Verdi. Una tendenza, punitiva nei confronti dei due partiti storici che hanno dato vita al governo di Grosse Koalition, che ha iniziato a manifestarsi all'indomani del duello televisivo giudicato soporifero fra i due candidati di punta (Angela Merkel e Martin Schulz), ma che negli ultimi giorni - quelli in cui molti elettori sciolgono i dubbi su chi votare - parrebbe essersi accentuata. I diversi sondaggi (Allensbach per Faz, Civey per Spiegel online, YouGov) indicano la Cdu attorno al 36% (circa 5 punti in meno rispetto a quattro anni fa), l'Spd fra il 21 e il 23%, ancorata ai minimi storici dell'ultimo decennio. Una dura punizione per i due partiti, un tempo alternativi e per due volte costretti a governare assieme in tre esecutivi guidati da Merkel, che perderebbero dai 7 ai 9 punti percentuali rispetto al 2013 e 10 punti (tutti in conto all'Spd) rispetto al 2005, quando nacque la prima Grosse Koalition di Merkel.

Il distacco tra Cdu e Spd resta talmente ampio che nessun sondaggista ritiene possibile che il partito della cancelliera non arrivi primo e che il pallino del nuovo governo non sia nelle mani di Angela Merkel, alla quale al momento resterebbero solo due opzioni: una terza Grosse Koalition con l'Spd o una coalizione inedita con liberali Fdp e Verdi, una sfida programmatica tanto affascinante quanto complessa.

Si è fatta così più interessante la guerra fra i partiti minori per la conquista del terzo posto. In caso di nuova Grosse Koalition, il partito arrivato terzo rileverebbe la guida delle opposizioni e i suoi rappresentanti interverrebbero nei dibattiti al Bundestag subito dopo il relatore del governo. Se toccasse ai nazional-populisti di Afd, la sfida portata da un partito per molti aspetti anti-sistema sarebbe enorme. E alcuni sondaggi (Spiegel, YouGov) danno Afd al terzo posto.

Il sondaggio di YouGov è oggi particolarmente enfatizzato da alcuni media tedeschi (Welt, Focus) perché realizzato con un nuovo modello di indagine che contiene dati più aggiornati sulla popolazione e che di recente ha permesso prima di altri di intuire la perdita da parte dei Tories della maggioranza assoluta nelle elezioni britanniche. Secondo YouGov, Afd conquisterebbe il terzo posto con il 12%, ottenendo 85 seggi, anticipando la Linke al 10%, i liberali al 7 e i Verdi al 6. Per completezza, la Cdu è data al 36 e l'Spd al 25%.

Ancora più interessante è lo spaccato elettorale che, secondo YouGov, emergerebbe nei 5 Länder orientali, dove a prevalere sarebbero in serie la Cdu, la Linke e Afd, mentre i socialdemocratici scivolerebbero al quarto posto (tranne che nel Brandeburgo). Se queste prognosi verranno confermate dalle urne, queste elezioni segneranno un profondo mutamento del panorama politico tedesco, a dispetto di quanti hanno considerato questo voto noioso e privo di interesse. Un mutamento che, dati i nuovi protagonisti alla ribalta, potrebbe riflettersi anche nello stile del confronto politico. E che consegnerebbe un paese di nuovo profondamente spaccato tra est e ovest a poco meno di trent'anni dalla riunificazione.

Correlati