All review

3 Luglio Lug 2014 1806 03 luglio 2014

Parole, parole, parole parole soltanto parole parole tra noi

  • ...

'Parole parole' è un singolo di Mina, pubblicato su vinile a 45 giri il 13 aprile 1972 dalla PDU.Il brano composto da Gianni Ferrio, con testo di Leo Chiosso e Giancarlo Del Re, è stato uno dei grandi successi della discografia di Mina. Sigla di chiusura del programma televisivo Teatro 10, andato in onda dall'11 marzo al 13 maggio 1972, fu realizzato dalla cantante in coppia con l'attore Alberto Lupo (voce recitante) con il quale Mina appariva in video.

Chi poteva immaginare che dopo 42 anni queste ' parole ' estrapolate dal testo della stupenda canzone di Mina potessero acquisire anche un significato politico così rilevante ! Si , perchgè proprio ieri 2 luglio 2014 il nostro Presidente del Consiglio Matteo Renzi in un accalorato discorso a Strasburgo rivolto al Parlamento europeo per illustrare gli obiettivi del semestre a guida italiana, pieno di citazioni della letteratura classica, ha sottolinea che la 'nostra è la generazione Telemaco; quelli che come me non avevano ancora 18 anni quando è stato siglato il trattato di Maastricht, hanno il dovere di riscoprirsi Telemaco e meritarsi l'eredità dell'Europa'. 'Invito questo semestre su questo, a riscoprirsi eredi, rinnovando la conquista dell'Europa giorno per giorno'. Due i punti fondamentali del suo discorso di circa 20 minuti: la necessità di sostenere la crescita economica e l'importanza di ritrovare un'identità culturale comune.

Tradotto in parole povere Renzi ha chiesto con decisione maggiore flessibilità nei bilanci, ma questo strenuo tentativo di dare ' ossigeno ' alla nostra asfittica economia che non può travalicare i limiti imposti dalla 'governance ' europea saldamente guidata dalla Merkel sembra essere già bocciata in partenza. Infatti ,all'ultimo vertice Ue, Olanda e Germania hanno 'stoppato' il tentativo di Francia e Italia di ammorbidire le regole di bilancio: lo ha detto al Parlamento dell'Aja il premier olandese Mark Rutte, secondo quanto riporta la stampa locale.Francia e Italia , ricostruisce De Telegraaf , volevano un rilassamento delle regole di bilancio nel Patto di stabilità, ma Paesi come Germania e Olanda si sono opposti: 'Hanno fatto un tentativo di estenderle, è stato fermato', ha detto Rutte. Il premier, rispondendo ai deputati che lo incalzavano preoccupati dalla nuova flessibilità delle regole di cui si parla dopo il vertice, ha spiegato che 'non c'è da preoccuparsi, le regole non sono cambiate, e sta alla Commissione vigilare sulla loro applicazione corretta', riporta il Volkskrant.

Per questo i venti minuti di parole del discorso di Renzi sembrano ritagliarsi solo lo striminzito ritornello della canzone di Mina