All review

9 Luglio Lug 2014 1524 09 luglio 2014

Il tifo nel calcio: valore positivo o negativo ?

  • ...

Il tifo, tanto per capirsi, è la passione smodata per la propria squadra, che ci porta ad agghindarci con strani costumi e colori per andare allo stadio , con sciarpe , magliette , gadget vari con il logo della nostra squadra del cuore. Ma non solo : magari ci portiamo dietro trombe e trombette superdotate , impariamo le parole di canzoncine assurde, passiamo diversi minuti sotto striscioni multicolori stesi sulle nostre teste in curva nord o sud , urliamo ' scemo, scemo ' all'indirizzo della compagine avversaria , facciamo la ola ed il lunedì in fabbrica , a scuola , in ufficio o in un'aula parlamentare si straparla delle gesta sportive dei nostri beniamini .E fin qui siamo nei limiti del lecito e per questo parto subito all'attacco affermando che per me è sempre un fatto positivo. Magari disseminato di tanti 'se ' e ' ma '.

Veniamo subito all'immediato, è tempo di campionati mondiali di calcio ed abbiamo così un palcoscenico vastissimo con il quale rapportarci.Il Brasile è la nazione che ha avuto l'onore e l'onere di organizzare il campionato mondiale 2014. In quella nazione, come in molte altre del pianeta, il calcio è lo sport nazionale più sentito, praticato e sognato. Il governo in carica si è impegnato finanziariamente moltissimo per costruire stadi ed infrastutture adeguate all'importanza dell'evento ma, già da qualche mese antecedente l'inizio della manifestazione, sono iniziate molte contestazioni di larghi strati di popolazione in ristrettezze economiche che hanno gridato allo scandalo per i soldi sottratti ai bisogni primari più urgenti del sottoproletariato brasiliano. Quando però la squadra brasiliana è riuscita sul campo a conquistare alcune vittorie ( anche molto sofferte ) il clima generale è cambiato. Dalla rabbia siamo passati all'entusiasmo tanto che sono terminate, come d'incanto, le manifestazioni ostili al football. La squadra brasiliana osannata dal pubblico in delirio arriva alla fatidica partita di semifinale che la vede contrapposta all'agguerrita squadra teutonica .

Ed ecco che dopo il 7-1 incassato dal Brasile nella semifinale mondiale, in varie città brasiliane è esplosa la rabbia di una parte dei tifosi. A San Paolo e Belo Horizonte i più esagitati sono venuti a contatto con la polizia e negli incidenti sono stati incendiati diversi autobus. A Belo Horizonte ci sono stati 12 feriti e 17 arresti.Molti dei fermi in varie città sono per criminalità comune ma in certi casi i tafferugli sono scoppiati tra tifosi brasiliani e argentini. C'è da aspettarsi che nelle prossime settimane riprenderanno anche gli scioperi di protesta contro il governo in carica reo di aver dissipato troppe risorse economiche solo per ' il gioco del pallone '.

Ma il gioco del pallone è anche un enorme contenitore di risorse umane che offrono allo spettatore una possibilità di evasione unica nel suo genere, per alleggerire tensioni e stress che potrebbero trovare altri campi di espressione. Ovvio però che nei paesi , città e comuni, dove la qualità della vita ha raggiunto livelli insostenibili, il tifo sportivo può assurgere a ' talismano esoterico ' che può insinuare nella mente di alcuni soggetti più labili e provati la semplice uguaglianza : vittoria = bene , sconfitta = male .Ma non solo sul campo di calcio !