All review

20 Agosto Ago 2014 1808 20 agosto 2014

Siria / Iraq :situazioni che destano perplessità e curiosità, ma più che altro grande apprensione.

  • ...

James Foley in ginocchio durante decapitazione.

E' arrivato oggi l'ormai famosissimo video messaggio su youtube dove al grido 'La nostra vendetta contro i raid di Obama' il giovane giornalista americano James Foley , rapito il 22 novembre del 2012, viene barbaramente decapitato da un guerriero jihadista . Stessa sorte viene minacciata anche per Steven Joel Sotloff, un altro giornalista scomparso un anno fa in Libia. Inutile dire che la drammatica situazione fa crescere sempre più i timori per l'incolumità di molti altri giornalisti, fotoreporter e volontari cooperanti in varie attività umanitarie che si trovavano in zone di guerra e che da tempo sono stati rapiti.

Il presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi e il leader curdo Masud Barzani.

Si è appreso dalle agenzie di stampa che il nostro primo ministro Matteo Renzi è partito ' come un razzo ' con destinazione Iraq per incontrare il presidente Fouad Mazuum, il premier incaricato di formare il nuovo governo Haidar Al Abadi e il premier uscente Nuri Al Maliki . Visiterà inoltre un campo profughi ad Erbil e poi ? Perchè tanta fretta ? Sempre secondo l'agenzia di stampa Ansa Renzi proporrà alle autorità irachene e curde il piano italiano riguardante l'invio di aiuti per la popolazione oltre ad un eventuale invio di armi leggere. Certo una bella differenza rispetto all'intervento americano, rapido e pesantissimo, che di fatto in poche ore sembra aver ' stoppato ' l'avanzata delle forze del califfo salvando la vita a migliaia di profughi in fuga e condannando il 40enne giornalista di Boston ad una fine brutale ed assurda se collocata nell'epoca delle conquiste spaziali. Il rischio è che l'intervento italiano ed europeo con distribuzione di fucili mitragliatori da rottamare ai militari curdi, che si oppongono alle milizie jihadiste, non abbia alcun efficace effetto sul piano militare condannando altre migliaia di profughi a sicure sofferenze ed atroci morti. Speriamo magari che la ferocia degli estremisti islamici risparmi le vite degli altri scomparsi.