All review

25 Settembre Set 2014 1407 25 settembre 2014

Non è un film d’avventura: è la realtà !!

  • ...

Tutto cominciò con l’idea di andare in Algeria per fare delle straordinarie fotografie . Il signor Hervè Gourdel , ex guida alpina , francese 55enne nativo di Nizza, amava viaggiare, fare lunghe escursioni in luoghi selvaggi ed incontaminati e scattare belle foto per poi inserirle nel suo sito facebook come fanno tanti appassionati giramondo. Aveva già fatto esperienza in Nepal, in Giordania ed in Marocco e qualche giorno fa, salutati parenti ed amici, aveva intrapreso con gioia questo bel viaggio in Algeria . Ma…….domenica è stato catturato e rapito da estremisti islamici magari lettori del sito che così non hanno avuto difficoltà a localizzarlo ( così ha detto a France Info lo specialista del mondo arabo Naoufel Brahimi). Dopo pochissimo tempo è arrivata la rivendicazione del gruppo islamista algerino legato all’Isis con la richiesta di fermare immediatamente i raid francesi contro i jihadisti in Iraq onde evitare lo “sgozzamento sacrificale “ dello sfortunato turista.. Martedì la ferma risposta da New York del presidente Francois Hollande e ieri mercoledì il “ Messaggio di sangue per il governo francese' l'atroce video in cui i jihadisti di Jund-al-Khilafa mostrano la decapitazione dell'ostaggio francese in Algeria.

Ci sono così tre cose terrificanti da notare che dimostrano il nuovo passaggio della politica espansionistica del terrorismo :

- questa volta l’ostaggio decapitato è un sig.x che non appartiene al mondo dell’informazione, della cooperazione o della sicurezza, ma un semplice turista

- il luogo della cattura e dell’uccisione è lontano dalla Siria o dall’Irak

- l’operazione è stata condotta da miliziani algerini

Ed ora ? Noi sigg.nulla, turisti per caso o per diletto, delle nostre bellezze paesaggistiche in Italia, in Europa e nel resto del mondo ci dobbiamo considerare in pericolo ?