All review

30 Novembre Nov 2014 0734 30 novembre 2014

Ogni maledetto Natale

  • ...

DATA USCITA: 27 novembre 2014- GENERE: Commedia- REGIA: Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre, Luca Vendruscolo - ATTORI: Alessandro Cattelan, Corrado Guzzanti, Valerio Mastandrea, Marco Giallini, Francesco Pannofino, Laura Morante, Caterina Guzzanti, Alessandra Mastronardi, Stefano Fresi, Andrea Sartoretti

Il filo conduttore principale del soggetto è costituito dal rapporto tra due giovani Massimo e Giulia provenienti ambedue da famiglie così diverse per il conto in banca ma così simili per il rispettivo atteggiamento estremamente totalizzante nei confronto di tutti coloro che vi appartengono, figli compresi ovviamente! Questo tipo di famiglia esprime tutto il proprio potenziale micidiale il giorno di Natale, quando in un modo o l’altro, pretende che tutti i parenti siano riuniti intorno ad un tavolo vicino all’albero di Natale.

La sapiente sceneggiatura mette in risalto, con l’aiuto di eccezionali interpreti, tutte le possibili situazioni tragicomiche connesse con simili pretese , quando oltretutto la festività del Natale ha perduto ogni collegamento con la ricorrenza cristiana della Natività, per assumere sempre più, invece, i connotati di una esaltazione pagana dei riti connessi con la pratica delle collettive grandi mangiate , eccessive bevute e scambi di inutili regali per esaltare il rituale del consumismo fine a se stesso. Un bellissimo film che fa riflettere divertendo, dove la sceneggiatura e l’attenta regia del trio Ciarrapico,Torre e Vendruscolo, riesce a mantenere nel film i ritmi di una commedia nella quale i ruoli degli interpreti definiscono situazioni complesse ed articolate. I due interpreti principali Alessandra Mastronardi ( Giulia) e Alessandro Cattelan ( Massimo) riescono ad esprimere sullo schermo quell’amore fresco e giovanile che potrà ostacolare e sopravvivere perfino ai rispettivi genitori ( Francesco Pannofino e Laura Morante ) in ambedue le versioni : vip e burini.

Corrado Guzzanti interpreta la parte del capo domestico filippino che riesce ad esprime la folle tragicità del proprio ruolo servile quando cerca di scusarsi per l’inopportuno suicidio nel giorno di Natale di un proprio connazionale. Valerio Mastandrea e Marco Giallini danno spessore interpretativo nei rispettivi ruoli multipli, arricchendo la scena di una sottesa teatralità.Un film sarcastico ed impegnativo che mette a nudo le ipocrisie di una società che non vuole rinunciare alla finzione buonistica connessa con le feste natalizie.

L’ultima parola però spetta ad una bambina che alla fine del film, mentre usciva dalla sala, così si rivolgeva alla madre : “ ma il Natale allora è bello o brutto ?”