All review

1 Dicembre Dic 2014 1724 01 dicembre 2014

Un dipinto di sposa bambina attribuito a Leonardo

  • ...

Bianca Sforza - Miniatura di Leonardo da Vinci

Una meravigliosa miniatura dipinta su pergamena (a gesso e inchiostro, matita nera, matita rossa e biacca ) raffigurante ,si dice, Bianca Sforza , sarà esposta per la prima volta in Italia , a Urbino , nel Salone del Trono di Palazzo Ducale, dal 6 dicembre al 18 gennaio 2015.La notizia ha sollevato molta curiosità , prima di tutto per l’attribuzione del dipinto a Leonardo da Vinci , dopo per la singolare proprietà del collezionista privato Peter Silverman, infine perché si tratta di una pagina asportata da un libro del '400 conosciuto come 'La Sforziade' e incollata su una tavoletta in legno di quercia.

Il Palazzo Ducale di Urbino che ospiterà dal 6 ottobre al 18 gennaio 2015 l'esposizione Ritratto della Bella Principessa

Molto probabilmente questo libro realizzato in più copie( una si trova a Varsavia, altre tre sono a Parigi e Londra e una in Italia) è un regalo di nozze di Ludovico il Moro che conteneva sia il ritratto di Bianca, sia le armi di Galeazzo Sanseverino, il futuro marito . La bellissima miniatura (33 x 24 cm), già accuratamente analizzata da eminenti studiosi delle opere di scuola leonardesca come Martin Kemp e Pascal Cotte sarà esposta dopo Urbino a Milano dal 23 aprile al 31 ottobre in concomitanza con l'Expo. Come nota curiosa c’è anche da ricordare che l’attuale proprietario ha acquistato l’opera dalla vedova del pittore e restauratore Giannino Marchig per soli 19.000 dollari ed in precedenza era andata all’asta da Christie's a New York semplicemente come un’opera attribuibile ad un artista del XIX secolo, con una stima tra i 12.000 e i 16.000 dollari.

La Sforziade - simulazione

Dopo è iniziato il tam tam di esperti che ha condotto a una serie di indagini scientifiche dai risultati sorprendenti. In alto a sinistra è stata infatti scovata, tramite una fotocamera multispettrale della Lumiére Technology Company, un'impronta digitale che è stata poi confrontata con altre conosciute di Leonardo. Se ne conoscono infatti sull'Annunciazione e sul San Girolamo e da quest'ultimo infatti è stata rilevata un'impronta di dito indice o medio che risulta compatibile con quella della 'Bella principessa'. Si è proceduto anche a un esame al radiocarbonio del supporto, che ha confermato un'antichità della pergamena databile tra il 1440 e il 1650, compatibile quindi con la produzione di Leonardo. L'esame ai raggi infrarossi, infine, ha evidenziato una serie di pentimenti e di similitudini con la Testa di donna di profilo di Leonardo nella Royal Library del Castello di Windsor. Il tratteggio che procede da sinistra è tipico di Leonardo.Passando dagli aspetti tecno-scientifici a quelli storici è interessante ricordare il testo Ligny Memorandum l' incontro di Leonardo a Milano nel 1494 con un artista di corte di nome Jean Perréal. Nei colloqui è scritto che Leonardo si informò con grande interesse sull'uso del gesso e della pergamena, forse proprio perché doveva attendere a un'opera del genere ?

Ed infine : chi era la bella principessa in posa ? Una sposa bambina e sfortunata . Bianca era la figlia primogenita di Ludovico il Moro e di Bernadina de Corradis nata nel 1482 ed andata in sposa nel gennaio del 1496 all’età di 14 anni a Galeazzo Sanseverino, capitano delle armate di Ludovico il Moro. Morì nel novembre dello stesso anno.

Correlati