All review

16 Gennaio Gen 2015 1407 16 gennaio 2015

Continuano i test del futuro aereo spaziale

  • ...

Dopo le ultime vicende di barbarie che hanno colpito la Francia è bene ricordarci anche che siamo nel 2015 e non nel MedioEvo . Le grandi potenze economiche ed industriali dell’occidente stanno ormai da tempo progettando i futuri veicoli spaziali che permetteranno a tutti di affrontare lunghissimi viaggi aerei in tempi estremamente ridotti per mezzo di aerei in grado di viaggiare, oltre che nell'atmosfera, anche nellio spazio. Questo strano “ oggetto “ la cui sigla è IXV (Veicolo Intermedio Sperimentale, in italiano) è un primo prototipo di aereo spaziale realizzato su progetto dell’ESA (Agenzia Spaziale Europea), con in prima fila impegnata Thales Alenia Space. E’ piccolo e un po’'bruttino' ma in pratica servirà solamente per effettuare ulteriori test necessari per proseguire nella realizzazione di un vero aereo spaziale in grado di viaggiare sia all’interno dell'atmosfera terrestre, sia all'esterno di essa nello spazio interplanetario.Già in ottobre scorso era stato programmato un suo lancio, dopo rinviato per problemi tecnici.

Ora che sono stati risolti vari problemi è stata fissata la nuova data dell’11 febbraio 2015 per l’inizio della missione che permetterà di liberare IXV in una traiettoria suborbitale tramite un razzo Vega lanciato dalla base di Kourou, nella Guyana francese. La missione durerà in totale 100 minuti dal decollo, quando il lanciatore con all’interno di una apposita carenatura contenente l’aereo del peso di due tonnellate, partirà nel cielo equatoriale per liberare ad una altitudine di 320 km il prezioso carico. IXV volerà per inerzia fino all’akltitudine di 420km per poi iniziare la sua fase di rientro e la registrazione di una grande quantità di dati per mezzo di un gran numero di sensori convenzionali e avanzati. La velocità di ingresso di 7,5 km / s ad un'altitudine di 120 Km creerà le stesse condizioni per un veicolo di ritorno da orbita bassa. IXV scivolerà attraverso l'atmosfera a velocità ipersonica per testare nuove tecnologie di rientro prima di aprire un paracadute per rallentare la discesa per un ammaraggio sicuro nell'Oceano Pacifico . Qui interverrà per il recupero di IXV la nave Nos Aries con una squadra provvista di un' idonea attrezzatura .