All review

22 Gennaio Gen 2015 1104 22 gennaio 2015

Mercati con il fiato sospeso

  • ...

L'inflazione in economia è l'aumento prolungato del livello medio generale dei prezzi di beni e servizi in un dato periodo di tempo che genera una diminuzione del potere d'acquisto della moneta.L'inflazione può avere effetti positivi e negativi tanto che la Banca Centrale Europea si pone come obiettivo un incremento moderato di inflazione che non superi il 2% mentre altre scuole di pensiero economico la ritengono sempre in assoluto negativa. Un’alta inflazione è invece unanimemente considerata in modo negativo. Draghi quindi si gioca la credibilità con una manovra inflattiva che dovrà dimostrare tutta la sua bontà per contribuire a risolvere questa lunga crisi economica che attanaglia, più o meno, quasi tutti gli stati europei. La manovra si basa su questo principio teorico “ L'aumento dell'offerta di moneta superiore all'aumento della produzione di beni e servizi, stimolando la domanda di beni e servizi e gli investimenti in assenza di un corrispondente aumento dell'offerta è considerata una causa dell'aumento dei prezzi” .

Per questo il giorno 22 gennaio a Francoforte è prevista una riunione della BCE che dovrebbe varare un piano di acquisti di titoli di Stato dei vari stati comunitari per immettere nuova liquidità sufficiente a stimolare la domanda e quindi l’aumento di prezzi elevando il livello inflattivo nella misura ipotizzata. Secondo i calcoli di Draghi e collaboratori il QE (Quantitative easing) dovrebbe essere di circa 50 miliardi al mese fino al 2016, ma vista la delicatezza e complessità di questa manovra finanziaria, tutti i mercati europei sono con il fiato sospeso, a cominciare dalla Germania ( oltre ad altri paesi ) che non vedono di buon occhio l’idea di spalmare il debito pubblico italiano, francese, greco, portoghese, spagnolo, ecc nella propria economia